Salta al contenuto

'Toccare' la memoria, una mostra a Didacta che parla del viaggio dei ragazzi ad Auschwitz

9 ottobre 2019 | 18:41
Scritto da Walter Fortini
 


FIRENZE - La memoria può essere a volte offuscata. Ma basta poco, anche solo un po' di energia e calore umano per  strofinare ad esempio una cartolina annerita che pende dal soffitto, per togliere quel velo che la nasconde e ravvivarla. E' quello che magicamente succede nella mostra "Touch" ospitata all'interno di Didacta, la fiera sull'innovazione e il futuro della scuola che ha aperto i battenti alla Fortezza da Basso a Firenze.

La memoria in questo caso è quella che ha che fare con lo sterminio nazista e i lager dove furono deportati e morirono a milioni. La Regione Toscana organizza dal 2002 un viaggio con gli studenti delle scuole superiori ad Auschwitz (www.toscana-notizie.it/speciali/treno-della-memoria-2019), preceduto e seguito da approfondimenti e iniziative nelle scuole. Un treno carico di oltre cinquecento studenti, partito fino al 2005 tutti gli anni e dal 2007 ogni due. Undici volte in diciotto anni. Oltre settemila adolescenti coinvolti.  

Le ragazze e i ragazzi, da qualche edizione, portano con sé e per tutto il viaggio un nome, consegnato alla viglia e gridato al vento nel silenzio e nel gelo di Birkenau: un nome e una storia di chi il lager si è inghiottito, un nonno o una nonna che non c'è più e da adottare, un fratello o una sorella che non ha fatto a tempo a crescere, bambini a volte di pochi mesi o anni.

Pietro Cavagna e Giulio Malfer,  assieme alla Regione Toscana e con il patrocinio del ministero ai beni culturali e del turismo, hanno fotografato gli studenti con quel nome scritto su una garza srotolata, tra la neve e il freddo dei campi di sterminio. E così è nata la mostra "Touch", che ci ricorda che la memoria ha bisogno di essere frequentata e di un passaggio di testimone tra generazioni. Basta poco a volte: anche semplicemente portarsi a casa una di quelle cartoline che pendono dal soffitto e ogni tanto strofinarle, per far riemergere dal nero una vecchia foto e dare un volto, una storia e un nome ai numeri dello sterminio. Perché la memoria deve durare tutto l'anno, come raccontava ogni volta agli studenti il sopravvissuto Shlomo Venezia, e non solo un giorno. 


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Educazione istruzione e ricerca, Cultura, Memorie

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare