Salta al contenuto

14,7 milioni per l'accompagnamento al lavoro di disabili e soggetti vulnerabili

18 gennaio 2016 | 15:10
Scritto da Lorenza Pampaloni
 


FIRENZE -E' stato approvato dalla Giunta e successivamente pubblicato sul Burt (il 13 gennaio) il bando per "Servizi di accompagnamento al lavoro per persone disabili e soggetti vulnerabili" che si avvale di finanziamenti del POR-FSE 2014-2020 pari a 14,7 milioni.

Questi i punti chiave:

Finalità. Il bando, che scade il 31 marzo 2016, intende promuovere la realizzazione su tutto il territorio regionale di un sistema diffuso e articolato di servizi per l'accompagnamento al lavoro di persone disabili e soggetti vulnerabili in carico ai servizi socio-sanitari territoriali. I progetti che concorreranno al bando dovranno dunque sviluppare percorsi di sostegno per l'inserimento socio-terapeutico e socio-lavorativo delle persone disabili o vulnerabili. La loro durata non potrà superare i 24 mesi dalla data di avvio.

Soggetti ammessi. Alla presentazione dei progetti sono ammesse imprese e cooperative sociali, e soggetti pubblici e privati che operano nel recupero socio-lavorativo di soggetti svantaggiati.

I progetti devono però essere obbligatoriamente presentati ed attuati da una Associazione Temporanea di Scopo (ATS), costituita o da costituire a progetto e finanziamento approvato.

In ogni ATS dovrà essere presente almeno un Ente pubblico tra quelli che hanno funzioni di programmazione e gestione dei servizi e degli interventi per gli ambiti territoriali di riferimento dei progetti. All'interno dell'ATS gli Enti pubblici possono assumere sia il ruolo di soggetto capofila-proponente che quello di partner.

Destinatari. I destinatari dei progetti sono persone non occupate, in carico ai servizi socio-assistenziali, sanitari e/o socio-sanitari che siano in condizione di disabilità certificata ai sensi della L. 68/1999, oppure certificate per bisogni inerenti la salute mentale. Tutti i progetti dovranno prevedere obbligatoriamente la partecipazione di entrambe le tipologie di destinatari. Il numero di destinatari coinvolti nei progetti dovrà essere pari, complessivamente, ad almeno 1510 persone.

Modalità di elaborazione dei progetti. Tutti i soggetti che intendono partecipare al bando devono prima rispondere agli "Avvisi di manifestazione d'interesse alla co-progettazione" che saranno emanati dalle Società della salute oppure - nelle zone-distretto dove queste non sono costituite - dal soggetto pubblico individuato dalla Conferenza zonale dei sindaci. Per ogni zona distretto dovrà essere attivata una sola procedura di evidenza pubblica.

Importi minimi e massimi dei progetti. Per ciascuna zona-distretto (o per più zone-distretto in caso di aggregazione) potranno essere presentati uno o più progetti per importi non inferiori a 100.000 euro e non superiori a 1,5 milioni. Nel caso in cui due o più zone distretto decidano di aggregarsi le risorse assegnate complessivamente disponibili sono pari alla somma delle risorse previste per ciascuna zona. Le proposte di progetti elaborate nelle varie zone-distretto nell'ambito dei processi di co-progettazione saranno poi presentate alla Regione Toscana dalle ATS (costituite o da costituirsi a progetto approvato). Gli interventi sono finanziati al 100 per cento con fondi FSE, senza cofinanziamento del soggetto beneficiario.

Ripartizione risorse per zone-distretto. La ripartizione dei 14,7 milioni del Fondo sociale europeo tra le 34 zone-distretto è stata effettuata sulla base di tre indicatori: da un lato la popolazione complessiva della zona-distretto 18/65 anni (anno 2013), dall'altro il numero delle persone disabili 18/65 anni, certificate sulla base della legge 68/1999, e quello delle persone 18/65 anni in carico ai Servizi di salute mentale, presso ciascuna zona-distretto (anno 2013). Importi aggiuntivi sono stati riconosciuti alla zona-distretto dell'isola d'Elba, per l'oggettiva difficoltà geografica e logistica ad aggregarsi con altre zone, e a quelle dell'Alta Val di Cecina, Amiata senese e Valdorcia, Amiata grossetano per raggiungere la soglia minima dei 100.000 euro.

Tipologia di interventi finanziabili. Le tipologie di attività che dovranno obbligatoriamente essere incluse nelle proposte progettuali sono, tra quelle indirizzate alla persona:

l'accesso e presa in carico, con valutazione della possibilità di inserimento nei percorsi di accompagnamento al lavoro (di competenza dei soggetti pubblici territoriali); la valutazione del livello di occupabilità dei partecipanti; l'orientamento dei partecipanti (finalizzato alla comprensione delle competenze potenziali ed espresse); la progettazione personalizzata (predisposizione dei progetti individuali e pianificazione delle attività specifiche rivolte a ciascun partecipante); l'accompagnamento in azienda per i partecipanti.

Tra le attività indirizzate al processo di occupabilità si collocano lo "scouting"delle imprese interessate ad accogliere i partecipanti in stage; il "matching" tra domanda/offerta di lavoro; il sostegno di un tutor in azienda per i partecipanti.

Indennità di partecipazione. I destinatari dei progetti potranno ricevere una indennità connessa alla partecipazione ai percorsi di accompagnamento al lavoro, inclusi gli eventuali percorsi formativi e stage in azienda (o altro soggetto ospitante). Tale indennità – tra i 400 e i 150 euro lordi mensili - sarà proporzionale alle ore realmente effettuate. La partecipazione a tali esperienze è da intendersi all'interno di un progetto personalizzato mirato all'inclusione sociale e lavorativa.


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Sociale, Diritti e cittadinanza

Seguici su Facebook Twitter Google+ YouTube Flickr Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

Con Enrico Rossi - Mappa

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Diario 2015 del Treno della Memoria
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale