Salta al contenuto

A Follonica la fabbrica racconta storie e diventa un progetto sugli archivi

19 ottobre 2017 | 10:16
Scritto da Walter Fortini
 


FIRENZE – Una fabbrica può diventare uno scrigno di storie e una casa della memoria. E' quello che accadrà il 20 e 21 ottobre a Follonica, che oggi è conosciuta soprattutto come una località balneare del grossetano ma che fino agli anni Sessanta del Novecento aveva due fonderie attive al centro della città. Ed è lì, nello spazio Ilva recuperato a giardini, sale polivalenti ed un museo - il museo Magma sulla lavorazione del ferro, appunto – che si svolgerà "Fabbricastorie", una due giorni di incontri organizzati da Magma Follonica in collaborazione con Irta Leonardo nell'ambito del progetto di censimento e valorizzazione degli archivi del mondo dell'impresa e del lavoro in Toscana, finanziato dalla Regione.

"La cornice di riferimento è l'accordo, valido tre anni, per la valorizzazione del patrimonio archivistico (e il suo coordinamento) firmato nel 2016 dalla Regione con il Ministero dei beni culturali e la Soprintendenza toscana" spiega la vice presidente della Toscana ed assessore alla cultura Monica Barni, durante la presentazione oggi a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze dell'evento. L'accordo sugli archivi era stato illustrato al Salone del libro di Torino a maggio e tanto interesse suscitò allora tra gli addetti ai lavori.

"La valorizzazione degli archivi d'impresa e del lavoro, assieme al censimento degli archivi dello spettacolo e dell'arte contemporanea – dice ancora Barni - sono una delle novità assolute rispetto all'intesa del triennio precedente". E proprio su questo progetto è prevista una collaborazione con il comune di Follonica, che ha a sua volta firmato una convenzione di tre anni (e riceverà 60 mila euro di contributi) per la strutturazione di un archivio multimediale, locale e del comprensorio,ò che racconti la siderurgia e la rete del ferro, ma anche per creare una rete condivisa di realtà e archivi simili a quello del centro di documentazione del museo Magma e studiare, assieme al mondo dell'impresa, pure le migrazioni e i processi demografici che ne hanno accompagnato lo sviluppo.

Assieme ai documenti e le tanti fonti orali - importantissime, storie di carbonai e di migranti - sono state raccolte anche fotografie. Il museo Magma già ne possedeva 250 e al momento ne sono state acquisite e organizzate altre mille provenienti da archivi privati e familiari. Parallelamente sono stati organizzate proiezioni, mostre e incontri per approfondire la conoscenza e valorizzare la "rete del ferro" italiana e europea. E' stata avviata anche un'attività di riordino dell'archivio della Guardia forestale.

Il perché di Follonica è presto spiegato. Nella città grossetana la lavorazione del ferro è di casa fin dal Cinquecento, quando gli Appiani, signori di Piombino, fecero costruire una ferriera. Il culmine fu raggiunto nel diciannovesimo secolo, epoca in cui Leopoldo II di Lorena ampliò e ristrutturò gli impianti che già esistevano; e fu allora che nacque una nuova fonderia, progettata e realizzata assieme a nuove strade e abitazioni: un piccola Ilva, abbandonata negli anni Sessanta ma risorta dalle ceneri negli ultimi anni, con il contributo anche della Regione e reinventatasi come un museo futuribile e uno spazio ricreativo, culturale ma anche dedito alla ricerca. Uno spazio che recupera la capacità di ricordare, che è poi il tema anche della due giorni del 20 e 21 ottobre. "Un unico filo narrativo - sintetizza Barbara Catalani, assessore alla cultura di Follonica - che viaggia per tempi e spazi diversi, dal golfo di Baratti, la Val di Cornia e la siderurgia etrusca fino all'Austria, passando la Val di Trompia a Brescia e la montagna pistoiese, da dove arrivarono a metà dell'Ottocento molti operai". Tutti uniti dalla lavorarazione della ghisa.

Un tema caro anche alla Soprintendenza archivistica e bibliografica toscana, che sull'archelogia industriale e del lavoro e delle imprese più in generale, anche agricole, come ricorda per l'ente Luca Faldi, ha già effettuato alcuni interventi mirati. A partire dall'amiatino, con la raccolta di documenti e attraverso interviste video preziose memorie orali. 

LEGGI ANCHE: Il programma di Fabbricastorie, 20 e 21 ottobre 2017 (clicca qui


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Cultura, Memorie

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Emergenza idrica 2017

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale