Salta al contenuto

Ammortizzatori sociali, raggiunta l'intesa Stato-Regioni

20 aprile 2011 | 13:44
Scritto da Barbara Cremoncini
 


ROMA – Aumenta la quota a carico delle Regioni per il finanziamento della cassa integrazione e della mobilità in deroga. Lo ha stabilito l'accordo raggiunto oggi in conferenza Stato-Regioni, sugli ammortizzatori sociali in deroga e sulle politiche attive per l'occupazione per gli anni 2011 e 2012.

A darne l'annuncio è l'assessore toscano alle attività produttive, lavoro e formazione Gianfranco Simoncini che coordina le Regioni in tema di lavoro.

"Le Regioni – ha spiegato l'assessore – con questo accordo si fanno carico per altri due anni, con grande senso di responsabilità , di una quota maggiore del cofinanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga. La quota a carico delle Regioni viene portata dal 30 al 40%. Accanto a questo impegno viene confermato quello per le politiche attive, cioè per la formazione e le iniziative di accompagnamento o reinserimento al lavoro, interamente di competenza delle Regioni. Così facendo, ancora una volta, ci siamo assunti una parte importante delle competenze statali. Ma lo abbiamo fatto perché siamo convinti che, ancora, la crisi richieda un impegno straordinario e che gli ammortizzatori sociali siano indispensabili per garantire la tenuta sociale del paese e per mantenere quanti più lavoratori possibile all'interno del sistema produttivo".

Oltre a garantire il sostegno al reddito, l'intesa nazionale prevede il rilancio delle misure di politica attiva, anche in una prospettiva di creazione delle condizioni per lo sviluppo. In particolare si prevede un rafforzamento del legame fra formazione e mercato del lavoro in modo da rendere i percorsi formativi più rispondenti alle necessità di riconversione e ristrutturazione aziendale e le competenze professionali in linea con le esigenze del mercato del lavoro e dei sistemi di impresa. Particolare attenzione è dedicata al coinvolgimento nelle politiche attive degli enti bilaterali e dei fondi interprofessionali.

"Per certi versi - sottolinea l'assessore Simoncini - l'accordo fa tesoro dell'esperienza Toscana, prima regione italiana a definire accordi con i fondi interprofessinali per la formazione dei lavoratori in cassa integrazione in deroga."

Venerdì prossimo sarà firmato in Toscana l'accordo con le parti sociali.


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Lavoro e formazione, Economia

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare