Salta al contenuto

Asili nido, 13 milioni per sostenere e potenziare l'offerta di servizi per la prima infanzia

17 aprile 2019 | 13:42
Scritto da Barbara Cremoncini
 


FIRENZE - Promuovere e sostenere l'offerta di servizi educativi per la prima infanzia, cioè quelli che si rivolgono a bambini dai 3 ai 36 mesi di età, anche per l'anno educativo 2019-2020 grazie a oltre 13 milioni di euro che serviranno ai Comuni per andare incontro alle necessità di un numero sempre maggiore di famiglie. 

Sono gli obiettivi che si prefigge la Regione Toscana con l'avviso pubblico per il sostegno dell'offerta di servizi per la prima infanzia (3-36 mesi di età) approvato e pubblicato nei giorni scorsi grazie a risorse del Fondo sociale europeo (Por Fse 2014-2020). La misura, nell'ottica della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro delle giovani madri, rientra nell'ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani.

La gestione del bando prevede una riserva di risorse a favore dei territori montani e insulari e una corsia preferenziale per le gestioni associate dei Comuni.

Destinatari del bando sono i Comuni toscani, che possono presentare i progetti con richiesta di contributi sia singolarmente che associati.

I beneficari degli interventi sono i bambini in età utile per la frequenza di servizi per la prima infanzia residenti in un Comune della Toscana. I progetti possono riguardare sia la gestione diretta degli asili nido e dei servizi per la prima infanzia da parte dei Comuni, sia la gestione indiretta, sia un intervento di ampliamento dell'orario, sia strumenti come l'acquisto di posti presso strutture accreditate.

La scadenza delle domande è il 20 luglio 2019

Ancora un forte investimento sulla prima infanzia, sottolinea l'assessora all'istruzione formazione e lavoro, che per la Regione rappresenta un'area di attenzione importante. Potenziare i serviz, valorizzarne gli aspetti educativi, sigifica, coerentemente con le indicazioni della Commissione europea, favorire la rottura di un circolo vizioso che sta alla base del perpetuarsi dello svantaggio sociale, oltre ad accrescere le pari opportunità di accesso al mondo del lavoro e la partecipazione delle donne. Un fattore, questo, in grado di incidere - anche in termini di crescita di Pil - allo sviluppo.

Per saperne di più

-----------------------

Nel rispetto della legge nazionale sulla par condicio, che regolamenta l'attività di informazione e comunicazione istituzionale nel periodo dei comizi elettorali, servizi e comunicati di Toscana Notizie fino alle elezioni europee e amministrative del 26 maggio prossimo saranno redatti in forma impersonale e senza virgolettati.

 


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Educazione istruzione e ricerca

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare