Salta al contenuto

DSU e questione IVA, ulteriori 2 milioni dalla Regione. Barni: "In questo modo scongiuriamo riduzione benefici"

8 dicembre 2016 | 13:13
Scritto da Paolo Ciampi, Chiara Bini
 


FIRENZE – IVA o non IVA i servizi del Diritto allo Studio non sono a rischio. La Regione Toscana, in attesa del pronunciamento in sede giudiziaria della decisione dell'agenzia delle Entrate di rendere indetraibile l'IVA sui servizi erogati, ha deciso di reperire ulteriori 2 milioni di euro da destinare agli accantonamenti prospettati dall'Azienda DSU.

 

Fino ad oggi infatti l'azienda DSU toscana, al pari di molte altre analoghe realtà a livello nazionale, ha applicato sui servizi un regime IVA, in totale osservanza della normativa nazionale ed europea.

 

Secondo una recente comunicazione dell'Agenzia delle Entrate invece, i servizi sono da considerarsi esenti IVA, il che comporta un aggravio di costo che, l'Azienda DSU stima pari a circa 2 milioni e 800mila euro per il 2017. 

 

"In attesa di un pronunciamento definitivo – ha detto la vicepresidente Monica Barni – abbiamo deciso, pur nelle ristrettezze finanziarie e i tagli di bilancio imposti dal Governo, di reperire 2 milioni di euro per non venir meno all'impostazione di base delle nostre politiche sul diritto allo studio, e scongiurare una riduzione sensibile dei benefici erogati agli studenti con il rischio di non poter coprire tutti gli idonei al concorso per le borse di studio DSU come oramai garantito da più di dieci anni dalle scelte della Regione Toscana".

 

"Per i restanti 800mila euro, facciamo affidamento sulle capacità dell'Azienda DSU - prosegue la vicepresidente - di ridurre virtuosamente le proprie spese, come ha sempre dimostrato di saper fare negli ultimi anni, e su altre misure, che non incidono sulle borse DSU, quali ad esempio una rimodulazione al margine e di minima entità delle tariffe dei servizi di mensa per gli studenti più facoltosi".

 

"Aggiungo - conclude Barni - che anche gli ultimi dati dimostrano che siamo riusciti a garantire il cento per cento delle borse di studio ai richiedenti che ne avevano i requisiti. Direi che è la migliore conferma del fatto che per le politiche della Regione Toscana il diritto allo studio rappresenta una assoluta priorità".


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Educazione istruzione e ricerca
Tag: dsu

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Emergenza idrica 2017

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale