Salta al contenuto

E' più sicuro un luogo più frequentato, dalla Regione 90 mila euro per piazza Garibaldi

10 giugno 2017 | 13:45
Scritto da Walter Fortini
 


Livorno, piazza Garibaldi
Livorno, piazza Garibaldi

LIVORNO - Più vissuto e dunque più sicuro, con fondi sfitti che riaprono e nuova vita per le storiche baracchine che guardano i fossi medicei. Il progetto di Confesercenti per la zona di piazza Garibaldi a Livorno, finanziato interamente dalla Regione con 90 mila euro, è uno dei cinque progetti sperimentali e pilota approvati alla fine del 2016 e che interessano altrettante città. Un esperimento di sei mesi, nel caso di piazza Garibaldi, per una rinascita che duri poi nel tempo.

"Commercianti e cittadini sono infatti i primi che devono convivere e animano il quartiere dove svolgono la propria attività", aveva sottolineato l'assessore alla presidenza della Regione Toscana Vittorio Bugli, quando lo scorso gennaio fu presentato il progetto. "Il  nostro intervento è anzitutto mirato a riappropriarsi degli spazi comuni e a creare così un ambiente più vivibile, per tutti".

La Regione non è né uno sceriffo né ha gli stessi compiti delle forze dell'ordine. "Ad ognuno il suo", dice ancora l'assessore.  Accanto al recupero di situazioni fragili e delicate e al contrasto del degrado di certi quartieri, rimangono naturalmente altre azioni che possono essere messe in campo. Una di queste sono le telecamere per un miglior controllo del territorio. 

La Regione finanzierà così, con 80 mila euro pari al 70 per cento del costo complessivo, un progetto di video-sorveglianza proposto dal Comune. In tutta la Toscana sono sessantré gli interventi simili, complessivamente sostenuti con 1 milione e 522 mila euro (mezzo milione in più di quanto all'inizio previsto), grazie anche all'aiuto del Consiglio regionale che ha messo a disposizione fondi propri risparmiati nel 2016.

Telecamere saranno installate in piazza Garibaldi ma anche nelle vie pedonali del centro, in piazza XX settembre, in viale Carducci, nei giardini della stazione e in via dell'Artigianato. Un deterrente per ladri, scippatori e malavitosi, perché è evidente che aree buie, poco illuminate e frequentate o poco sorvegliate sono il contesto dove certi crimini e delitti possono compiersi più facilmente. 


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Istituzioni

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Emergenza idrica 2017

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale