Salta al contenuto

Easy Green, Simoncini: 'La Regione seguirà lo start up per i primi pannelli a gennaio'

12 ottobre 2011 | 10:22
Scritto da Tiziano Carradori
 


FIRENZE - Si è tenuto ieri sera, al termine della seduta del Consiglio regionale, il primo summit per la neonata Easy Green convocato dall'assessore regionale al lavoro e alle attività produttive, Gianfranco Simoncini, presenti il vicepresidente del raggruppamento che si è aggiudicata l'asta tenutasi ieri, Leonardo Bassilichi, i rappresentanti di Fiom, Fim e Uilm, della Rsu aziendale e di Confindustria Firenze.

"Saluto con soddisfazione – ha detto l'assessore Simoncini – l'annuncio della nuova proprietà di voler lavorare, da subito, per arrivare a produrre i primi pannelli fotovoltaici fin dal gennaio prossimo. Anche a nome del presidente Enrico Rossi esprimo un doppio ringraziamento: ai lavoratori per i sacrifici fatti e per la loro azione di pungolo nei confronti delle istituzioni, e agli imprenditori che hanno mostrato coraggio e volontà di investire in una fase economicamente molto difficile".

Da più parti è stato sottolineato che quello delle rinnovabili e in generale la green economy rappresentano i settori più promettenti quanto a potenzialità di sviluppo.

"La Regione – ha proseguito l'assessore Simoncini – ha seguito con puntualità l'intera vicenda e continuerà a farlo nella fase di start up, garantendo attenzione ai problemi della formazione del personale così da favorire il completo reingresso al lavoro di tutti gli addetti".

Il vicepresidente di Easy Green, Leonardo Bassilichi, ha sottolineato l'intenzione della nuova proprietà , e delle diverse aziende coinvolte, di procedere speditamente all'allestimento delle linee produttive dopo aver formalizzato i compiuto la ricognizione degli immobili e delle attrezzature presenti.

"Ci sarà da impegnarsi a fondo – ha precisato Bassilichi – e avremo bisogno anche dell'aiuto dei lavoratori e delle loro rappresentanze, ma confido nel fatto che tutti insieme potremo cogliere l'obiettivo che ci siamo dati, cioè l'ultimazione dei primi prodotti fin dal gennaio 2012".

I rappresentanti sindacali hanno sottolineato la difficoltà dell'intero percorso, parlando di uno degli accordi più duri degli ultimi anni, di rinunce e di mediazioni necessarie, ma esprimendo anche fiducia per il fatto che la nuova proprietà ha solide radici in Toscana e a Firenze.


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Istituzioni, Lavoro e formazione, Economia

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare