Salta al contenuto

Ecco il Diario Slow Food 2011. Salvadori: 'Continuiamo a lavorare insieme per un patrimonio unico'

2 marzo 2011 | 12:32
Scritto da Laura Pugliesi
 


FIRENZE - "Tra Regione Toscana e Slow Food Toscana intercorre da anni un rapporto di collaborazione fondato sulla condivisione di valori, ideali ed obiettivi comuni per ripondere in maniera attiva alle grandi sfide dell'agricoltura e dell'alimentazione."

Così l'assessore all'agricoltura della Regione Toscana, Gianni Salvadori, sintetizza la pluriennale esperienza di collaborazione fra la Regione stessa e Slow Food Toscana nell'introdurre la 4a edizione del Diario 2011 di Slow Food Toscana. "Un patrimonio unico – sottolinea l'assessore – sul quale la Regione Toscana ha investito molto e sul quale continuerà a investire risorse e impegno politico." E rivolge a Slow Food l'augurio di continuare la collaborazione "in maniera attiva anche nel prossimo futuro".

Il diario, che è stato presentato oggi in Regione, alla presenza della presidente regionale di Slow Food, Raffaella Grana, è stato l'occasione per fare il punto su temi quali la biodiversità, la filiera corta, l'educazione all'alimentazione e del gusto, la rete di Terra madre. La conferenza stampa è stata anche l'occasione per l'assessore regionale Salvadori per fare il punto sulla nuova legge "anti OGM" della Regione Toscana. "Gli uffici regionali – ha annunciato l'assessore – hanno già predisposto la bozza del nuovo testo e siamo pronti per portarla al tavolo di concertazione con tutti i soggetti interessati. Una volta che ci sarà l'ok, la bozza sarà pronta per essere portata all'approvazione della giunta."

"Tutti temi sui quali – ha sottolineato l'assessore Salvadori – la Regione Toscana e Slow Food sono impegnate in una azione sinergica. La Toscana intende rilanciare con forza un tema fondamentale per la sua agricoltura che consiste nel binomio "qualità dei prodotti" e "salvaguardia della biodiversità", che ha portato alla creazione dei Presìdi di Slow Food (oggi sono 23 in Toscana) alla tutela e valorizzazione dei prodotti tradizionali (oggi sono 466), oltre alle Dop e alle Igp (oggi sono 22 riconosciute e 14 in attesa di riconoscimento).

Questo – ha continuato Salvadori – è l'elemento base che contraddistingue anche le altre azioni della Regione, volte a supportare i produttori locali e riequilibrare il reddito a vantaggio della parte più debole della filiera.

In questo contesto sono nati i Mercatali, di cui la Toscana è stata la prima artefice in Italia (nel 2005 con il Mercato della terra di Montevarchi) e che oggi contano, oltre i Mercati della Terra di Slow Food (attualmente due: Montevarchi e San Miniato, ma in progetto c'è anche San Giuliano Terme), tanti "mercatali" (oggi sono 30) in tutta la Toscana che coinvolgono circa 3 mila aziende agricole. In questo contesto – continua Salvadori – si inserisce in generale l'azione della Regione volta a rafforzare la cooperazione fra produttori, stimolare l'aggregazione, e la collaborazione fra i vari soggetti della filiera.

Sempre più – sottolinea l'assessore - per competere e difendere le nostre eccellenze e la specificità del nostro territorio sarà necessario fare un salto di qualità, sia dal punto di vista dell'innovazione (gran parte degli ultimi bandi regionali, per oltre 50 milioni di euro complessivi di risorse UE, puntano all'innovazione), sia dal punto di vista dell'integrazione fra produttori e trasformatori, ma anche da parte di altri soggetti, quali ad esempio i ristoranti e i cuochi. E questo è un altro dei punti qualificanti dell'azione di Slow Food che ci ha offerto un modello integrato per la valorizzazione del comparto agroalimentare che è insieme turismo e cultura. Infine, ma non certo per importanza – conclude Salvadori – voglio rammentare il settore dell'educazione alimentare, che ha coinvolto centinaia di scolaresche, e che rappresenta la base per la crescita della cultura del gusto, il rispetto dell'ambiente e del territorio, ma anche, in definitiva, la migliore difesa contro le frodi alimentari. "

Il Diario Slow Food – edizione 2011, dopo le introduzioni di Gianni Salvadori, assessore all'Agricoltura della Regione Toscana, Roberto Burdese Presidente Slow Food Italia e Raffaella Grana Presidente Slow Food Toscana, è strutturato in 4 parti: associazione, condotte, temi ed eventi.

Come un "diario di bordo" si propone di guidare il lettore spiegandogli cosa è Slow Food, e quali sono le sue strutture a livello internazionale, nazionale e regionale, con il sistema delle "condotte" suddivise nelle varie province toscane. In questa sezione ci sono anche i contatti e le iniziative, le ricette e le leggende dei territori. I temi affrontano nel dettaglio le questioni della biodiversità, dell'educazione al gusto, della filiera breve e della rete di Terra Madre Toscana, con interessanti approfondimenti sugli "Orti in Condotta" nelle scuole toscane e i Mercati della Terra a chilometro zero.

Infine gli Eventi raccolgono tutte le iniziative di rilievo regionale organizzate per il 2011 da Slow Food.

Servizio video del TG3 Toscana del 3/3/2011, ore 14 (cliccare sul link per aprire o scaricare il video)


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Agricoltura e foreste, Consumatori, Economia

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare