Salta al contenuto

Erp, Rossi "Sull'accesso alle graduatorie la Toscana è 'severa', oltre c'è illegittimità"

4 maggio 2018 | 18:55
Scritto da Pamela Pucci
 


FIRENZE - L'edilizia residenziale pubblica è stata al centro del breefing settimanale con la stampa del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. A seguito dell'inizio del dibattito in commissione consiliare sulla revisione della legge regionale sulla casa e della proposta del sindaco di Firenze Nardella sull'introduzione di una 'scala mobile della toscanità', Rossi ha sottolineato che "la discussione è sempre utile, soprattutto su temi seri e di non semplice soluzione. Possiamo discutere di come evitare l'effetto banlieu, magari dando ai sindaci il potere di 'mischiare' le etnie in modo da evitare il rischio della formazione di ghetti, possiamo valutare la possibilità di assegnare punteggio crescente per chi da più tempo risiede in Toscana, tra l'altro tutte soluzioni già presenti nella legge Saccardi del 2015, che ha introdotto queste novità insieme ad altre, tra cui la necessità per essere inseriti nelle graduatorie Erp di un documento che attesti che il richiedente non possiede altri immobili in Italia o all'estero. Quello che non possiamo fare, perchè è già stato ritenuto incostituzionale in base all'articolo 3 della Costituzione italiana, che sancisce l'eguaglianza formale e sostanziale dei cittadini, è aumentare ulteriormente il numero degli anni di residenza necessaria per ottenere il diritto ad iscriversi nelle graduatorie per l'assegnazione di un alloggio popolare".

"La Toscana - precisa il presidente Rossi - chiede già 5 anni di residenza ed è tra le Regioni italiane con i paletti più rigidi su questo tema. Ci troviamo in linea con Regioni come la Lombardia e il Veneto, anzichè con Emilia Romagna, Umbria o Marche. Altre regioni, come il Friuli e la Val d'Aosta, che avevano proposto di alzare a 7 e 8 anni questi termini, sono state pesantemente redarguite dalla Corte Costituzionale".

"Capisco ciò che dice Nardella - ha aggiunto Rossi - ma bisogna evitare le banlieu e favorire l'integrazione, sia attraverso politiche dell'alloggio che applichino tutte le potenzialità già previste dalla legge Saccardi del 2015, sia ponendoci il problema della sicurezza. Ad esempio io ho proposto che si intervenga di più e in maniera più costante con le forze di polizia nei quartieri dove c'è una evidente percezione di insicurezza".

Il presidente ha inoltre ricordato che i fondi statali sul settore dell'edilizia popolare sono venuti meno dal decreto 78/2010 di Berlusconi e Tremonti. Solo Renzi nel 2017 ha destinato 500 milioni all'Erp a livello nazionale. "Per tutti questi anni - ha spiegato Rossi - la Regione Toscana ha provveduto con risorse proprie a destinare almeno una 50ina di milioni all'anno agli alloggi popolari, per la realizzazione di nuovi e la manutenzione dell'esistente. Abbiamo cercato di sopperire. Mi auguro che nel 'contratto' di chi andrà a costituire il nuovo Governo ci sia un riferimento alla necessità di rafforzare l'edilizia residenziale pubblica. La nostra parte l'abbiamo fatta".

Il presidente ha concluso ricotrdano che Francia e Germania spendono 3 volte di più rispetto all'Italia per l'erp e che in Francia il patrimonio di edilizia poplare è circa al 20% mentre in Italia è al 5%. "Bisognerebbe investire di più su questo settore - ha precisato - se lo facessimo anche i nostri giovani avrebbero più facilità nel metter su famiglia. Queste politiche richiedono investimenti e programmazione. Senza risorse certe e senza programmazione è difficile dare risposte adeguate a 22mila famiglie in Toscana e a 700mila a livello nazionale che attendono un alloggio. Non è questo il modo di affrontare un tema che va affrontato con molta serietà".

L'assessore regionale alla casa Vincenzo Ceccarelli è intervenuto a seguito di Rossi per precisare che "la proposta del Comune di Firenze relativa ad una 'scala mobile della toscanità' può rappresentare uno spunto di riflessione per migliorare ulteriormente la legge regionale toscana, che però già prevede l'attribuzione di 2 punti per chi abita o lavora in Toscana da almeno 10 anni e 0,5 punti all'anno per ciascun anno di iscrizione nelle graduatorie comunali, fino ad un massimo di 5 anni e 2,5 punti. Siamo disponibili a discutere, nell'ambito del percorso di revisione e miglioramento della legge regionale, di aumentare la premialità da assegnare a chi già da tanti anni abita o lavora in Toscana, così come quella per chi da tempo attende inserito nelle graduatorie. Dobbiamo assicurarci che non ci siano discriminazioni per l'accesso ai servizi e riuscire a dare risposte a chi ha maggiore bisogno e maggiori diritti ad avere una casa. Di tutto il resto si può discutere". 


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Casa

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web

scarica »
- #Toscana BXL
scarica »
- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare
// ]]>