Salta al contenuto

Ferrovia Transappenninica, parte il progetto per il rilancio turistico

11 novembre 2016 | 12:23
Scritto da Federico Taverniti
 


FIRENZE - Rilanciare e valorizzare in chiave turistica il territorio transappenninico attraversato dalla linea Ferroviaria Porrettana coinvolgendo tutti i territori interessati e costruendo un sistema condiviso di promozione dei rispettivi patrimoni culturali, ambientali e produttivi. E' questo, in estrema sintesi, l'obiettivo del protocollo d'intesa che le Regioni Toscana ed Emilia Romagna, insieme agli enti locali dei territori interessati, hanno siglato stamattina a Bologna. Sono intervenuti gli assessori emiliano romagnoli al turismo e al commercio Andrea Corsini e alle infrastrutture Raffaele Donini e quelli toscani al turismo e alle attività produttive Stefano Ciuoffo e a trasporti e infrastrutture Vincenzo Ceccarelli.

"La Porrettana – ha commentato l'assessore Ciuoffo - ha tutte le caratteristiche per diventare un vero e proprio prodotto turistico grazie alle ricchezze che i territori delle due regioni mettono a disposizione. Questo progetto rappresenta un altro tassello della collaborazione già in atto tra le due Regioni per la promozione e valorizzazione di questo pezzo di appennino: un metodo di lavoro che fa leva sull'integrazione e sulla condivisione di obiettivi comuni con lo scopo di potenziare un'infrastruttura importante e creare opportunità che superino i confini regionali".

"La firma di oggi - ha detto l'assessore Ceccarelli - conferma il nostro impegno per valorizzare la storica ferrovia Porrettana. Abbiamo deciso di utilizzare le ferrovie cosidette minori, che in Toscana attraversano territori di straordinaria bellezza, anche come strumenti per il rilancio turistico-culturale dei territori. In protocollo che firmiamo oggi è possibile anche grazie all'impegno della Regione Toscana, che ha investito risorse proprie per consentire la riapertura della ferrovia Porrettana,dopo la frana del 2014, aprendo il campo ai successivi investimenti di Rfi".

Allo sviluppo del progetto, denominato ‘La Ferrovia Transappenninica', oltre alle due Regioni, partecipano anche la Città metropolitana di Bologna, i Comuni di Pistoia e di Alto Reno Terme e le Unioni di Comuni Alto Reno, Appennino Bolognese, Valli del Reno, Lavino e Samoggia e Appennino Pistoiese. Il protocollo resta aperto alla partecipazione di altri enti pubblici.

‘La Ferrovia Transappenninica', che punta a rivitalizzare una delle cosiddette linee ferroviarie minori ovvero quelle linee caratterizzate da bassa frequentazione al di fuori dalle fasce pendolari e dall'attraversamento di contesti paesaggistici, culturali e ambientali di elevato interesse, si inserisce all'interno del Piano Strategico del Turismo elaborato dal MIBACT che ha tra i suoi obiettivi lo sviluppo di progetti strategici per la mobilità a fini turistici (ciclovie nazionali, cammini, servizi Ferroviari turistici, mobilità slow) e l'elaborazione di interventi per la mobilità nelle destinazioni turistiche in un'ottica di sostenibilità. Tutti elementi che riguardano la linea ferroviaria che collega Bologna e Firenze, con i suoi territori ricchi di storia, cultura ed importanti attrazioni turistiche.

I firmatari si impegnano a sviluppare, entro un anno dalla firma, un progetto dettagliato e condiviso per il rilancio dell'Appennino tosco-emiliano romagnolo che coinvolga tutti i territori della Porrettana. In particolare dovranno essere previste le azioni da realizzarsi, stabiliti target e soggetti attuatori, creato un cronoprogramma di attività ed un piano finanziario e creato un brand specifico. Tra gli altri impegni stabiliti dal protocollo: verifica della possibilità di una candidatura UNESCO della Ferrovia Porrettana; sostegno, anche attraverso i Gruppi di Azione Locale (GAL) dei rispettivi territori, a forme di sviluppo dell'occupazione e delle attività produttive. Le due Regioni inoltre provvederanno ad informare e coinvolgere altri assessorati e le rispettive Aziende di promozione e ad attivarsi con i gestori del servizio ferroviario e della rete per quanto riguarda il mantenimento in efficienza della linea, la valorizzazione e l'attrezzaggio di stazioni e fermate, con particolare riferimento all'utilizzo turistico-cicloturistico-escursionistico.

Per l'attuazione del protocollo, che ha durata triennale, viene inoltre costituita una cabina di regia composta dai rappresentanti di tutti i firmatari.


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Infrastrutture e trasporti, Turismo, Economia

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare