Salta al contenuto

In Toscana il terzo polo aeroportuale nazionale, ma solo se Pisa e Firenze stanno insieme

19 gennaio 2011 | 15:10
Scritto da Susanna Cressati
 


PISA - "Il mondo si muove. O governiamo il movimento o veniamo governati: l'integrazione dei due aeroporti di Firenze e Pisa darebbe più forza al polo aeroportuale toscano." Così il presidente Enrico Rossi si è espresso oggi pomeriggio a Pisa rispondendo alla stampa prima di partecipare al Consiglio comunale.

"Ricordo in primo luogo gli investimenti previsti su Pisa - ha proseguito Rossi - un pacchetto di circa 140 milioni e lo stanziamento di 28 milioni per il people mover. Quanto allo scalo fiorentino, esiste e ha una pista non sicura. La Regione ha il dovere di intervenire con la variante richiesta. Firenze è una location interessante e avrà più voli. Se avrà la pista l'85% dei voli da Pisa potrebbe essere trasferito. Credo si debba scongiurare questo rischio, evitare le spinte centrifughe e invece di prefigurare una situazione di concorrenza e realizzare quelle integrazioni che ci permetteranno, al netto di Venezia, di concretizzare il terzo polo aeroportuale nazionale e di proporci così con più forza a livello internazionale. La Toscana deve rafforzarsi insieme".

"Vorrei dare a Pisa - ha proseguito Rossi - un contributo per decidere. Il quadro è che Pisa sta andando benissimo, anche grazie al ruolo che la Regione ha svolto e continuerà a svolgere, garantendo investimenti, servizi nuovi come quelli ferroviari e attività nuove come il volo diretto con Shangai a cui stiamo lavorando. Crediamo nelle potenzialità di Pisa e ne supportiamo le politiche di sviluppo".

"Ma in Toscana c'è anche l'aeroporto di Firenze e la città ci chiede di dotarsi di una pista con caratteristiche di sicurezza adeguate. E c'è Bologna vicina, anche grazie all'alta velocità, e il pacchetto azionario tra i due scali ha delle similitudini. Vorrei evitare un'integrazione tra Firenze e Bologna. Sarebbe uno smacco per la Toscana. Per questo ho chiesto al consiglio regionale di darmi mandato per entrare nella compagine fiorentina. Bisogna evitare concorrenza e conflitto che depotenzierebbero entrambe le società e farebbe danno sotto il profilo finanziario".

"Non troviamo nemici dove non ci sono", ha concluso Rossi. "In un'ipotesi di integrazione, possiamo collocarci, al netto di Venezia, al terzo posto in Italia, dopo Milano e Roma e così proporci ai vettori, garantendo sviluppo entrambi i siti aeroportuali".


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Infrastrutture e trasporti

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare