Salta al contenuto

Innovazione e ambiente, Toscana in Finlandia al IV evento internazionale progetto TANIA

29 maggio 2018 | 15:17
Scritto da Redazione
 


FIRENZE - La Regione Toscana, in qualità di partner, e Asev, Agenzia per lo Sviluppo Empolese Valdelsa, coordinatore del progetto TANIA ‘TreAting contamination through NanoremedIAtion' Interreg Europe, hanno partecipato al IV evento internazionale del Progetto che si è tenuto nei giorni 15 e 16 maggio 2018 a Lahti (Finlandia), organizzato dall'Università di Helsinki e dal Consiglio Regionale di Paijat-Hame.

Al meeting europeo hanno preso parte tutti i partner del progetto: Asev (leader partner),  Regional Council of Paijat-Hame (Finlandia), Università di Helsinki (Finlandia),  Regional Council of  Alsace Champagne Ardenne Lorraine (Francia), Università della Lorraine (Francia), Region of Crete (Grecia), Government of Baranya County (Ungheria) e Regione Toscana.

Il progetto TANIA promuove l'uso green delle (nano)tecnologie e in particolare la (nano)remediation, ossia l'uso di una serie di tecnologie innovative, a basso costo, per la rimozione di contaminanti da matrici ambientali come suolo, acque sotterranee, sedimenti o acque di superfici, in alternativa agli attuali metodi in-situ, lunghi e costosi. Il confronto ha riguardato le tecnologie innovative per la bonifica ambientale. Particolare attenzione è stata riservata agli strumenti politici e tecnici e alle soluzioni proposte con speciale riguardo a quelle che potrebbero essere, totalmente o parzialmente, oggetto di trasferimento tecnologico da una regione europea all'altra.

Nel quadro del POR 2014-2020 , con particolare riferimento alle misure riguardanti ricerca e innovazione, protezione dell'ambiente e uso efficiente delle risorse, e della RIS 3 2014-2020, strategia regionale di specializzazione intelligente che definisce le priorità tecnologiche su cui investire i fondi europei, sono state proposte tre soluzioni.

La prima è la Piattaforma regionale Industria 4.0, interfaccia tecnico-operativa di coordinamento del sistema pubblico di competenze a supporto della competitività delle imprese sulle materie del trasferimento e dell'innovazione tecnologica, di cui fa parte anche il distretto tecnologico Nanotecnologie/Nuovi Materiali.

La seconda è il progetto ‘Nanobond'. Nato nel 2015, quando la Regione Toscana ha lanciato un bando regionale per progetti di ricerca strategica indirizzati a partnership pubblico private composte da industrie, PMI e  centri di ricerca, per sviluppare una o più delle roadmap tecnologiche prioritarie contenute nella RIS 3, tra cui la (nano)remediation. Membri del consorzio: ACQUE SpA (coordinatore) principale ente per la gestione e il trattamento delle acque pubbliche in Toscana, ISPRA (Istituto per la Protezione Ambientale e la Ricerca) e INSTM (Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e la Tecnologia dei Materiali). Scopo è sviluppare un sistema innovativo per il trattamento di fanghi contaminati e sedimenti dragati, coniugando l'uso di materiali eco-compatibili nanostrutturati con i tubi di disidratazione del geotessile, per ridurli in termini di volumi e costi di trasporto e di convertire i rifiuti solidi e liquidi risultanti in una risorsa pulita rinnovabile riutilizzabile.

‘Sisbon' è la terza soluzione presentata. Un sistema sviluppato nel 2012 da Arpat sotto forma di strumento informatico contenente un database costantemente aggiornato dei siti regionali interessati dai processi di bonifica nonché tutti i servizi e i documenti necessari per attivare e monitorare i dati tecnici e procedure amministrative di bonifica ambientale.

Parte del meeting è stato dedicato a Study Visits, durante le quali il partner ospitante presenta in loco facilities selezionate d'interesse per il progetto. I partner hanno visitato il centro di ricerca del suolo ‘Soilia', proprietà di Lahti Region Development LADEC Ltd e sostenuto dall'Università di Helsinki, primo su suolo pilota nei paesi nordici, che offre condizioni reali per lo studio scientifico di base di suolo, sedimenti, falde acquifere e acque di superficie, e per la ricerca richiesta dalle aziende come parte dei loro sforzi di sviluppo del prodotto, nonché lo sviluppo di nuove procedure di bonifica. L'altra visita al Paijat-Hame Waste Management Ltd, impianto di gestione dei rifiuti urbani, anche basato sulla raccolta differenziata in ben dieci tipologie di rifiuti, dei quali solo una minima percentuale destinata agli inceneritori.


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Attività internazionali, Economia

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare