Salta al contenuto

Intramoenia, Rossi: "Servizio pubblico da tutelare, basta sperequazioni per cittadini e medici"

18 marzo 2016 | 17:49
Scritto da Alfonso Musci - portavoce presidente
 


FIRENZE - "Ringrazio la ministra Lorenzin per l'apertura che mi fa nel prendere in considerazione le mie ragioni sulla libera professione, però rimango della mia idea: abolire la libera professione è ormai una necessità assoluta per salvare la dignità e la credibilità del Sistema sanitario pubblico, soprattutto agli occhi dei cittadini". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi commentando le dichiarazioni del ministro della salute.

"Lo dico da presidente di una Regione che ha realizzato tutte le strutture e tutti gli uffici moderni che la ministra denuncia mancare altrove. In Toscana abbiamo dato alla parola intramoenia il significato che le è proprio, riportare dentro le mura pubbliche delle aziende sanitarie la libera professione e regolarla con atti forti che, ricordo, sono stati impugnati dai sindacati sanitari che hanno regolarmente perso i ricorsi davanti al giudice. Proprio per l'esperienza che abbiamo avuto ribadisco la mia convinzione sulla necessità di superare questo regime".

"Ci sono medici che con l'attività libero professionale ormai quintuplicano i loro stipendi perché operano in settori dove è possibile esercitare l'intramoenia. Ci sono altri medici, altrettanto bravi, che non vanno oltre il regolare stipendio, sia per scelta, perché preferiscono dedicarsi interamente al malato, sia perché nelle loro specialità è impraticabile l'attività libero professionale" ha proseguito Rossi.

"Questo produce sperequazioni e tensioni all'interno del mondo sanitario. Per le visite specialistiche si è registrata una diffusione così forte della libera professione che viene percepita dai cittadini come una sostanziale privatizzazione della sanità. Infine, con la libera professione, per quante regole si possano mettere, niente potrà far uscire il servizio pubblico dall'imbarazzo di rivolgersi al cittadino con la risposta ormai classica che a pagamento la prestazione si ottiene in pochi giorni mentre nel regime pubblico ordinario occorrono a volte settimane e mesi. Questo è un colpo ferale non solo alla credibilità del servizio sanitario pubblico ma anche alla stessa dignità e autorevolezza del mondo medico e degli operatori sanitari."

Per Enrico Rossi "ad aggravare il quadro, si aggiungano le normative previste per gli extramoenisti, a cui è consentito servire due "padroni"in concorrenza tra loro. In tempi di esaltazione di tutto ciò che è privato, è persino troppo ovvio ricordare che nessun privato consentirebbe ai propri dipendenti di aprire bottega in proprio all'interno delle sue mura e ancor meno di essere per metà tempo alle dipendenze della concorrenza. Quanto alle liste d'attesa, è evidente che l'attività libero professionale intramoenia o extramoenia finirà per non giovare all'attività ordinaria a cui hanno accesso i cittadini che non possono permettersi di pagare. In tempi nei quali aumentano la povertà assoluta e relativa, l'intramoenia consolida e accentua le disuguaglianze, spingendo in alcuni casi persino a rinviare le cure. L'obiezione di coloro che temono che alcuni professionisti potrebbero allontanarsi a causa dell'impossibilità di svolgere la libera professione è facilmente superabile: basta prevedere contratti speciali e esclusivi che premino, in base a valutazioni oggettive, i capaci e quelli che lavorano di più, i professionisti migliori".

"Mi creda signora ministra, la libera professione intramoenia ed extramoenia è ormai diventata un'indecenza. Conosco bene la situazione, come politico libero e sensibile ai diritti dei cittadini, in particolare al fondamentale diritto alla salute. Credo che anche lei lo pensi. Si faccia coraggio e avanzi una proposta in tal senso. E comunque, come mi insegnò una dottoressa di un piccolo ospedale della città in cui sono stato sindaco, le liste d'attesa non hanno senso:se scrivo che farò una cosa tra due mesi per mettermi in pari, allora posso farla oggi stesso. Cioè liste d'attesa zero. Però la signora non faceva ovviamente la libera professione" ha concluso Rossi.


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Salute, Diritti e cittadinanza

Seguici su Facebook Twitter Google+ YouTube Flickr Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale