Salta al contenuto

L'educazione alla sicurezza parte dalla scuola

5 marzo 2016 | 11:57
Scritto da Lucia Zambelli
 


FIRENZE - Dopo la delibera che approva il Progetto strategico regionale 2016-2020 per la sicurezza sul lavoro,  che destina quasi 8 milioni di euro a varie azioni di prevenzione e vigilanza, parte un'importante iniziativa di prevenzione e promozione della cultura della sicurezza. E parte proprio dalla scuola e dall'educazione dei giovani.

La Regione Toscana ha promosso e finanziato un bando di concorso rivolto agli istituti scolastici toscani per l'assegnazione di contributi a progetti educativi elaborati dalle scuole. Il bando, per conto di Regione Toscana, è stato indetto dal Polo regionale per la formazione alla sicurezza SAFE dell'Azienda Usl Toscana Centro, e ha visto la collaborazione dell'Ufficio scolastico regionale per la Toscana e  di Inail regionale, con i quali da anni esistono proficui rapporti di collaborazione e sinergie. Tanto che a breve verrà  rinnovato il  Protocollo d'intesa  fra i tre Enti "per la creazione del Sistema toscano in materia di sicurezza e salute nelle scuole".

Possono partecipare al bando Istituti di scuola primaria, Istituti tecnici e professionali a indirizzo agrario, Istituti tecnici e tecnologici indirizzo Costruzioni, ambiente e territorio. Il finanziamento complessivo è di 189.000 euro, e ad ogni progetto sarà destinato l'importo di 5.000 euro. I progetti potranno essere presentati a partire dal 7 marzo 2016, fino al 25 maggio 2016.

Non è, questo, l'ennesimo progetto che va ad aggiungersi all'attività didattica curriculare, ma un supporto a questa, per stimolare e sensibilizzare gli insegnanti a trattare, nell'ambito della propria materia, anche i temi della sicurezza e salute negli ambienti di vita e di lavoro. Un'educazione alla sicurezza e salute che parte dai più piccoli e poi si specializza e focalizza sull'acquisizione di competenze specialistiche da parte degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, con particolare riferimento all'ambito dell'agricoltura e dell'edilizia, settori in alto alle "classifiche" di rischio.


Si punta alla realizzazione di progetti educativi interdisciplinari e, negli istituti superiori, anche a interventi nell'ambito delle attività di collaborazione tra scuola e mondo del lavoro. Le attività dovranno essere pratiche, puntare alla modifica dei comportamenti più che all'acquisizione astratta di norme e procedure. E' prevista anche la realizzazione di un prodotto finale, a cura degli studenti.

Per la buona riuscita del progetto si auspica che gli istituti riescano a fare rete con altri istituti scolastici della stessa tipologia, e sul territorio con enti, parti sociali, imprese ecc.  Le Aziende Usl toscane saranno a disposizione degli Istituti scolastici per assistenza, supporto e informazione.
Una commissione esaminatrice, appositamente insediata, e composta da rappresentanti della Regione Toscana, dell'Ufficio scolastico regionale per la Toscana e dell'Inail, valuterà i progetti presentati.

Per informazioni sul bando


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Salute

Seguici su Facebook Twitter Google+ YouTube Flickr Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale