Salta al contenuto

L'Irpet calcola il peso delle imprese cinesi a Prato

22 gennaio 2014 | 17:06
Scritto da Walter Fortini
 


PRATO - "Non ridere né piangere, ma comprendere". Ovvero nessun pianto addosso, no a battute da bar quanto tutto il mondo ti guarda e numeri e dati alla mano. Le parole del filosofo Spinoza, evocate dal giornalista Staglianò e suggerite dal presidente della Provincia Lamberto Gestri, potrebbero essere il titolo perfetto per il convegno che si è svolto stamani a Prato, dedicato alla presentazione di uno studio dell'Irpet sul peso economico della comunità cinese in città. Un aforisma su misura per descriverne quantomeno lo spirito.
 
Lo studio racconta molte cose e parte da una paradosso e una domanda: perché il valore aggiunto procapite a Prato non è crollato proporzionalmente alla caduta drammatica della sue esportazioni? "Prato era fino a pochi anni fa la seconda provincia in Italia per esportazioni – spiega il direttore dell'Irpet, Stefano Casini Benvenuti - : prima c'è Vicenza e a ruota Arezzo, tutte e due in vetta alle classifiche per l'oro, quindi Siracusa, per i suoi prodotti petroliferi. In pochi anni il valore delle esportazioni a Prato è crollato del 35-40%. Anche il valore aggiunto ha avuto un tonfo, ma non in questi termini".
 
Il motivo? La prima spiegazione riguarda il mercato degli affitti, che a Prato pesa il 17% (più della media regionale). La seconda spiegazione è la possibile minor dipendenza da servizi localizzati un tempo in altre province. Ma non basta. Ecco così la terza spiegazione: la presenza di una vasta economia sommersa, che la ricerca dell'Irpet prova appunto a misurare.
 
Una produzione da oltre 2 miliardi - Lo studio quantifica tra l'11 e il 13% l'apporto delle imprese cinesi al valore aggiunto prodotto nell'intera provincia: qualcosa come 680 milioni di euro nell'ipotesi minima e e quasi 800 milioni in quella massima, con un produzione stimata tra 2 e 2,3 miliardi.
 
Da conto terzi a imprenditori finali - All'inizio i cinesi, negli anni Novanta, erano sopratutto sub-fornitori: cucivano per conto terzi. Negli anni Duemila molti sono diventati imprenditori finali e sono passati dalla cucitura dei capi alla progettazione dei modelli e alla commercializzazione degli abiti. Altri, molti di meno, lavorano nella ristorazione e nel commercio.
 
Quasi cinquemila imprese - Lo studio dell'Irpet prova anche a capire quanto siano davvero i cinesi a Prato e i lavoratori impiegati nelle aziende . Alcuni numeri sono certi e pesanti di suo: 4.830 imprese, a tanto ammontano le aziende cinesi a Prato, non sono poche. Sono quattro volte quelle di dieci anni prima, un sesto di tutte quelle delle provincia e molte di più se si guarda al solo abbigliamento, quasi le metà delle aziende pratesi condotte da stranieri.
 
Più di quarantamila residenti e 20 mila lavoratori - Altri numeri sono più difficili da quantificare, come i residenti e i lavoratori. Gli irregolari sfuggono infatti alle statistiche ufficiali. Ragionando sui consumi di acqua e sul rapporto tra irregolari e regolari riscontrato durante i controlli sulle imprese da parte delle forze dell'ordine, l'Irpet una stima è riuscita comunque a farla. I residenti 'veri' potrebbero benissimo essere 40-45 mila cinesi (di contro ai soli 17 mila cinesi iscritti all'anagrafe e i 32 mila permessi di soggiorno richiesti). I lavoratori oscillerebbero tra 17 e 20 mila, con un forbice di irregolari compresa tra 6 a 9 mila addetti.
 
Aziende poco longeve ma più robuste - Lo studio conferma l'elevata mortalità delle imprese cinesi: delle 386 nate nel 2001 ne sopravvivevano alla fine del 2012 solo 53, meno del 4%. Le imprese cinesi sono in genere anche piccole e con pochi addetti, come del resto quelle degli italiani. La dinamica negli ultimi anni è però opposta: quelle italiane, complice la crisi, si sono fatte ancora più piccole, quelle cinese sono cresciute in dimensione.
 
Le rimesse - Un capitolo dello studio è dedicato anche alla rimesse verso la Cina. Le oscillazioni sono grandi, a seconda degli anni. Si parte da 20 milioni di euro nel 2005 (meno della metà allora di Firenze) fino a 187 milioni del 2012. Il picco è tra il 2007 e il 2009 con 431, 373 e 464 milioni. Numeri che pongono Prato sul podio delle classifiche nazionali: mai prima ma tre volte seconda, quattro volte terza e un solo anno, nel 2005, quarta. 

  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Lavoro e formazione, Economia

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare