Salta al contenuto

Maggio, Rossi: "Usiamo i soldi in Finanziaria per i consumi culturali dei 18enni"

15 febbraio 2016 | 18:18
Scritto da Redazione
 


FIRENZE - "Apprezzo molto le parole che il sindaco Nardella ha rivolto a me e all'ente che amministro – afferma il presidente Enrico Rossi in risposta all'intervento odierno del sindaco di Firenze Dario Nardella sul bilancio del Maggio fiorentino -. Ogni volta che abbiamo potuto siamo intervenuti. Perfino aumentando le risorse a favore della città di Firenze. Per il Maggio siamo gradualmente passati dai 2milioni 450mila del 2009 ai 3 milioni 400mila del 2014. Senza tener conto dei 61 milioni messi dalla Regione (e gravanti sul bilancio regionale) per la costruzione e il completamento del nuovo Teatro dell'Opera. Che consideriamo dunque anche opera nostra".

"In questi anni abbiamo onorato tutti questi impegni anche a fronte di tagli che ci hanno pesantemente colpito come Regione. In questo momento, tuttavia, il mio problema è francamente ben più ampio del milione del Maggio. Devo infatti rimediare ad un blocco di spesa di ben 140 milioni, che proprio pochi giorni fa, diversamente da quanto assicurato in sede d'approvazione della legge di stabilità, ci è stato chiesto dal Governo. Sono 140 milioni che non potranno essere né spesi né impegnati. E che sarà come non avere nel bilancio del 2016. Essendo abituato e obbligato a portare il bilancio della Regione in pareggio, colgo l'occasione per avvertire tutti che la fase della responsabilità non è affatto terminata. Faremo la nostra parte cooperando con il Governo. Chiediamo di fare lo stesso anche agli altri".

"Se dovessi intanto suggerire un'iniziativa per recuperare eventuali risorse perse – prosegue il presidente Rossi – proporrei di ragionare sui 300 milioni stanziati in Finanziaria per sostenere i consumi culturali dei 18enni. A grandi somme credo che in Toscana dovrebbero arrivare circa 20 milioni di euro. Una cifra non banale. Se il decreto che il Governo emetterà per erogare questi finanziamenti sarà congegnato in modo da prevedere accordi con le scuole e con gli enti di cultura di particolare rilevanza, non sarà difficile per il Maggio e altri enti candidarsi a intercettare queste risorse. Grazie a un processo del genere potremmo assicurare l'accesso dei nostri ragazzi ai grandi eventi culturali del territorio".

"In altre parole, se il Governo ce lo consentirà, potremo procedere a intese specifiche con le scuole e con gli enti di cultura per indirizzare e orientare l'avviamento dei più giovani verso la nostra "grande bellezza" -è la conclusione - . Potrebbe essere un terreno di lavoro comune con il sindaco di Firenze e tutti gli altri sindaci della Toscana. Nell'eventualità di una risposta positiva da parte del Governo potremmo trovare agevolmente le risorse che mancano al Maggio e a tutti gli altri".


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Cultura

Seguici su Facebook Twitter Google+ YouTube Flickr Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale