Salta al contenuto

Migranti, Rossi ripropone il modello toscano sperimentato nel 2011

1 luglio 2015 | 15:01
Scritto da Walter Fortini
 


FIRENZE - Si parla di migranti, oggi e domani, all'istituto universitario europeo di Fiesole e il presidente della Toscana Enrico Rossi presenta il modello toscano di accoglienza dei profughi e migranti provenienti dal nord Africa e dal Medio Oriente sperimentato in Toscana quattro anni fa, tra il 2011 e il 2013.

 

"L''abbiamo sperimentato quando arrivarono i primi migranti dalla Tunisia, cinquecento, e poi altri mille e trecento africani di tutto il continente in fuga dalla Libia" dice. Un modello – e tante storie, raccontate in un ebook e in uno speciale - che può essere ancora oggi replicato. Un modello fatto non di tendopoli e grandi concentrazioni, come quella che il governo del 2011 avrebbe voluto realizzare a Coltano in provincia di Pisa, ma di piccole strutture diffuse sul territorio, affidate al volontariato e con un ruolo importante degli enti locali e dei sindaci. Piccoli nuclei di 20-30 persone, inseriti nelle comunità locali. "E' stata in questo modo un'accoglienza che non ha provocato contrasti e rifiuti fra i cittadini toscani – racconta sempre Rossi – Anzi, ha sviluppato legami di solidarietà, di collaborazione e amicizia".

 

"Continueremo a fare la nostra parte – sottolinea il presidente – , ma alle Regioni deve essere riconosciuto un ruolo nella gestione dell'accoglienza dei migranti in una logica di condivisione nazionale del problema". "Il modello toscano - aggiunge - prevede anche l'impiego dei migranti ospiti in piccole attività pubbliche. È un'accoglienza che sa donare".

 

Poi accenna al legame che la Toscana sta costruendo con importanti realtà della Tunisia e dell'Algeria, perché le politiche di immigrazione sono fatte non si solo di accoglienza ma anche relazioni e cooperazione. In Tunisia è impegnata nella regione di Kasserine, con un progetto assieme alla Francia per la ricostruzione di un modello di sanità pubblica, la formazione delle nuove classi dirigenti e il sostegno a progetti di economia locale. Dall'Algeria proviene invece il gruppo Cevital, che ha rilevato le acciaierie di Piombino salvando 2200 posti di lavoro. "In questo modo – dice Rossi – la Toscana sta dando a darà il suo contributo di politica industriale e di politica estera. Ma questo tipo di progetti rappresenta anche uno dei più importanti antidoti al terrore perché apre nuove porte per l'Europa".


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Attività internazionali, Diritti e cittadinanza
Tag: migranti

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web

scarica »
- #Toscana BXL
scarica »
- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare
// ]]>