Salta al contenuto

Pesca, contributi per oltre 1 milione di euro per innovazione e sviluppo del settore

15 dicembre 2017 | 11:38
Scritto da Redazione
 


FIRENZE – Pescatori, armatori, proprietari di pescherecci e oeratori del settore ittico hanno tempo fino al 28 dicembre per fare domanda di finanziamento e investire in sicurezza, risparmio energetico, migliorare e razionalizzare la produzione e ammodernare le attrezzature.

A mettere a disposizione oltre 1 milione di risorse complessive sono quattro bandi che la Regione finanzia grazie al Feamp, il fondo europeo attività marittime e pesca 2014-2020.

"La pesca e le attività ad essa collegate costituiscono un importante settore dell'economia toscana – spiega l'assessore Marco Remaschi – un settore che può avere ulteriore sviluppo ma che, per questo, deve saper trovare la capacità di innovare per restare competitivo sul mercato . E' con questo obiettivo che la Regione sostiene le imprese, aiutandole ad ammodernarsi e a fronteggiare così le sfide che si giocano su un terreno sempre più globalizzato".

Creare nuove attività correlate alla pesca (ristorazione, turismo, ecc.), migliorare le condizioni di salute e sicurezza nel lavoro, sostituire e ammodernare i motori dei pescherecci riducendo i consumi energetici, valorizzare i prodotti della pesca e ridurre i rigetti in mare per la salvaguardia degli stock ittici. Sono queste le finalità a cui puntano i bandi che vengono getiti da Artea, il soggetto al quale deve essere indirizzata la domanda, entro le ore 134 del 28 dicembre 2017.

Eccoli nel dettaglio.

Diversificazione e nuove forme di reddito: contributi per i pescatori che intendono investire su nuove attività cmplementari come turismo con pesca sportiva, ristorazione, attività formative, ecc.

Salute e sicurezza: contributi per interventi che migliorano salute e sicurezza, finalizzati all'ammodernamento delle flotte e migliorare le condizioni di lavoro degli addetti.

Efficienza energetica e mitigazione dei cambiamenti climatici: finanziamenti per per sostituire e ammodernare i motori dei pescherecci.

Valore aggiunto, qualità dei prodotti e utilizzo delle catture indesiderate: punta valorizzare, con interventi a bordo delle imbarcazioni, la parte sottosfruttata del pesce catturato e delle catture indesiderate, anche attraverso l'incentivazione della filiera corta ittica.

Per saperne di più e scoprire come fare domanda 


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Agricoltura e foreste

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Emergenza idrica 2017

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale