Salta al contenuto

Pop Up Grosseto, undici delle venti vetrine rimarranno aperte dopo la sperimentazione

18 maggio 2019 | 10:43
Scritto da Walter Fortini
 


FIRENZE  - Uno su due. Anzi, qualcosa in più. A Grosseto si chiudono i cinque mesi di apertura agevolata nei fondi sfitti con cui si è cercato di rivitalizzare un luogo ‘difficile' della città. Ed il risultato è nettamente positivo: undici delle venti attività avviate a novembre 2018 rimarranno aperte.

Per l'assessore alla presidenza e alla sicurezza della Toscana - che ricorda come avere quartieri più vivi voglia dire anche avere strade e piazze più sicure, è il successo della collaborazione tra istituzioni, proprietari di fondi, esercenti, associazioni e cittadini, che in simili iniziative risulta fondamentale.  Favorire attività culturali e commerciali, anche temporanee, oppure riqualificare urbanisticamente le città, spiega, costituisce un pezzo delle politiche sulla sicurezza. E "Pop up Grosseto", che è uno dei dieci progetti pilota sulla sicurezza urbana che la Regione Toscana negli ultimi anni ha finanziato, ne è un esempio.

Il Pop Up termina; ma di fatto è solo l'inizio e il primo passo di una strategia di rigenerazione collaborativa: un esempio di rete che ha coinvolto tantissime realtà. Ed eccole le saracinesche che continueranno a rimanere sollevate. Ci sono l'"Emporio del rigattiere" e "Il mattarello" (che da via Montanara si sposta in via Mazzini). Rimangono aperti "Fake coma", "Citylab", "Hortus in urbe" e l'associazione "Atelier dei sogni" (che da via Ginori si trasferisce in via Fanti). E poi ancora "Jasmine Hassan fotografa", "Coccole bio", "Wooden beershop", "La casa del quartiere" e "Montieri alpaca".

Oggi sono stati consegnati a tutti gli attestati di partecipazione: a chi ha deciso di proseguire l'attività e a quelli che hanno scelto di interromperla, insieme ai proprietari dei fondi coinvolti senza la cui disponibilità Pop up non avrebbe potuto vedere la luce.

Il progetto, promosso dal Comune di Grosseto e realizzato in collaborazione con la cooperativa Sociolab e Fondazione Grosseto Cultura, prevedeva cinque mesi di affitto gratuito per venti9 attività, accuratamente selezionate tramite un bando di idee e insediate in altrettanti fondi sfitti nel centro storico. Tutto ciò è stato possibile grazie ad un finanziamento regionale e all'impegno dell'amministrazione comunale che ha sostenuto il progetto con ulteriori risorse. Il tutto per un totale di circa 85mila euro. 


_

Avviso ai lettori
Nel rispetto della legge nazionale sulla par condicio, che regolamenta l'attività di informazione e comunicazione istituzionale nel periodo dei comizi elettorali, servizi e comunicati di Toscana Notizie fino alle elezioni europee e amministrative del 26 maggio prossimo saranno redatti in forma impersonale e senza virgolettati.


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Istituzioni, Commercio

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare