Salta al contenuto

Remaschi su Firenze Bio: "La nostra regione punta sull'agricoltura biologica"

14 marzo 2019 | 16:41
Scritto da Massimo Orlandi
 


FIRENZE - "La Toscana crede nel bio. Ci crede la Regione, ci credono i produttori e  i consumatori. Questa fiducia condivisa è un ingrediente prezioso, che manifestazioni come questa aiutano a valorizzare e consolidare". Così l'assessore all'agricoltura Marco Remaschi ha salutato l'avvio di Firenze Bio, che si aprirà domani alla Fortezza da Basso e che potrà essere visitata sino a domenica. Saranno quasi 200 gli espositori presenti a questa seconda edizione, che si svilupperà per tre giorni con un fitto programma di incontri, degustazioni, laboratori. Un'occasione per conoscere da vicino la Toscana del biologico.

"La nostra regione è terra di biologico – ha detto Remaschi - le aziende bio sia per numero (oltre 5.000) che per estensione (oltre il 25% della superficie agricola regionale) hanno un trend di crescita e di affermazione ben superiore alla media nazionale. E ancora: i conduttori di aziende bio sono più giovani della media, e cresce al loro interno la percentuale di donne (sono il 41%). Sono tutti segnali di un settore dinamico, aperto, pronto a affrontare in prima fila le sfide di questo comparto".

In questo sforzo di crescita i produttori, ha continuato l'assessore, sanno di aver al fianco la Regione:  "Abbiamo destinato a questo comparto una delle porzioni più consistenti del Piano di sviluppo rurale 2014-2020. Una scelta che è stata particolarmente apprezzata: ben 2.066 aziende hanno avuto accesso ai 115 milioni di finanziamenti disponibili.  E il nostro impegno  rivolto al comparto prosegue con altre iniziative che presto daranno ulteriore risposte concrete: penso alla legge sui distretti bio  che la giunta regionale sta predisponendo per promuovere lo sviluppo della coltivazione, della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti agricoli e alimentari biologici di un intero territorio.  Penso alle attività di impulso che vogliamo dare, anche in questo caso con una normativa, alle mense a Km 0. Questa concentrazione di sforzi potrà dare ancora risultati positivi. E un impulso significativo potrà essere esercitato anche da manifestazioni come questa, nella quale il produttore ha la possibilità di mostrare compiutamente il valore del suo lavoro, e il consumatore di comprendere meglio l'importanza di utilizzare prodotti di qualità e sostenibili come quelli bio". 
 


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Agricoltura e foreste

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare