Salta al contenuto

Richiedenti asilo, Bugli: "Dopo l'emergenza serve fase B. Bel progetto a Figline"

28 gennaio 2016 | 17:40
Scritto da Walter Fortini
 


FIRENZE - Migranti ai fornelli. A Figline-Incisa tre ragazzi del Bengala, ospiti di una struttura a Palazzolo e grazie ad un protocollo firmato tra Comune, l'istituto Vasari e la cooperativa "Il Cenacolo", potranno partecipare ai corsi di cucina e per personale di sala insieme agli alunni della scuola. Gli ospiti maggiorenni del comune, poco meno di venti, parteciperanno invece ad incontri  con genitori, docenti e cittadini.

"Si tratta di un ottimo progetto – sottolinea l'assessore all'immigrazione della Toscana Vittorio Bugli, che ha partecipato stamani alla presentazione -. Si tratta di un esempio di vera integrazione, che rafforza la nostra idea di accoglienza diffusa e che va nella direzione della fase B che vogliamo imprimere all'azione, per passare dall'emergenza ad una gestione di tipo diverso". Poi annuncia: "Lunedì 1 febbraio incontrerò tutti i sindaci della Toscana e gli enti gestori per parlare di questo". 

La Toscana ha accolto quasi seimilacinquecento richiedenti asilo tra il 2014 e il 2015. Erano stati mille e ottocento i migranti giunti dal nord Africa tra il 2011 e il 2012, dopo la prima "Primavera araba". Lo ha fatto in modo diffuso appunto, distribuendo gli ospiti in oltre cinquecento piccole strutture e coinvolgendoli nelle comunità.

"Un'integrazione che funziona non può che basarsi sullo scambio e la conoscenza reciproca – ripete Bugli -. Il modello di accoglienza diffusa realizzato in Toscana aiuta da questo punto di vista. Ben vengano dunque occasioni di incontro tra questi ragazzi e i cittadini dei territori. Ben venga anche la formazione, essenziale per chi domani potrà e vorrà rimanere in Toscana. Per questo il progetto di Figline-Incisa è importante".

I progetti realizzati in questi mesi in  Toscana hanno visto tanti richiedenti asilo impegnati in attività di volontariato. Si sono presi cura di piazze, vie e giardini, hanno dipinto le pareti delle scuole e aiutato a tenere in ordine uno spazio aperto. Lo hanno fatto spesso assieme ai toscani che abitano i paesi che li hanno accolti e questo ha aiutato l'integrazione. Il progetto di Figline aggiunge l'elemento della formazione.  


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Istituzioni, Sociale

Seguici su Facebook Twitter Google+ YouTube Flickr Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale