Salta al contenuto

Rossi sul lavoro festivo: 'Lanciamo una sfida politica e culturale'

29 aprile 2011 | 11:04
Scritto da Susanna Cressati
 


FIRENZE - "I grandi cambiamenti non sono mai eventi. Se vogliamo ricostruire un ritmo adeguato tra lavoro e riposo, se vogliamo ridare valore al lavoro e dignità alla persona ci aspetta un cammino lungo. La Toscana farà la propria parte a cominciare dall'iniziativa di legge sul lavoro nei giorni festivi che presenteremo la prossima settimana".

E' quanto ha detto oggi il presidente Enrico Rossi intervenendo all'iniziativa "La festa non si vende" organizzata al Palazzo degli Affari di Firenze dalla Filcams-Cgil e conclusa dalla segretaria generale Susanna Camusso.

"Avenzeremo questo proposta - ha proseguito il presidente - anche se la normativa nazionale non ci lascia molti spazi. E lo faremo per dare un aiuto ai sindaci a governare il problema. Oggi ci vuole un vademecum per capire chi apre e chi chiude, e questo altera la libera concorrenza. Non c'è di peggio per un sindaco, che vedere il sindaco della località confinante rilasciere i permessi".

"Ci vuole una regolamentazione, in primo luogo per quelle feste, religiose e laiche, che hanno un valore indentitario, che danno una idea di chi siamo. Pasqua e Natale sono feste sacre, e poi il primo maggio e il 25 aprile. Soprattutto abbiamo bisogno di far crescere una opinione tra la gente, di recuperare sul piano culturale. Si è costruita una ideologia per cui consumo e profitto stanno sopra il valore del lavoro e la dignità della persona. Una ideologia liberistica, economicista e profondamente egoista. Nel 1996 il referendum decretò che il 65% dei votanti era contrario alla liberalizzazione. Da allora c'è stato un forte regresso".

Il presidente Rossi ha citato esperienze europee: "E da noi chi difende - ha proseguito - le buone tradizioni religiose e socialdemocratiche? Noi doabbiamo lanciare una sfida culturale su questo terreno. La scansione lavoro/riposo non fa male a nessuno e se ci sono regole certe non danneggia nemmeno la grande distribuzione. Dal 2007 al 2009 il reddito delle nostre famiglie è calato di 1,3 punti. Se non c'è ripresa produttiva, se non c'è sviluppo e redistribuzione della ricchiezza è difficile che i consumi possano ripartire. Dobbiamo frenare questa rincorsa - ha concluso il presidente Rossi - fare della concertazione un fattore più cogente, non una mera consultazione, e soprattutto affrontare una battaglia politica e culturale per ridare valore al lavoro".


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Istituzioni, Diritti e cittadinanza

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare