Salta al contenuto

Rossi: "Un errore ridurre i fondi per le politiche di coesione europea"

11 maggio 2018 | 18:04
Scritto da Tiziano Carradori
 


FIRENZE - "La Toscana dal 2014 al 2020 può contare su circa 2,7 miliardi di fondi europei. Ma questa cifra sembra verrà ridotta nel periodo 2021-2027. A me pare un errore diminuire i fondi europei destinati alle politiche di coesione. E ci batteremo perché ciò non avvenga, anche se abbiamo la sensazione che verso questo obiettivo che ci si muova troppo tardi e troppo poco".

Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, rispondendo ad alcune domande nel corso dell'iniziativa organizzata a Firenze dalla Regione Toscana e dal Comitato delle Regioni europee su "Quali politiche di coesione in Europa", a cui hanno partecipato il presidente del Comitato europeo delle Regioni, Karl-Heinz Lambertz, la commissaria europea per la politica regionale Corina Creţu e, con un videomessaggio, il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani.

Il presidente Rossi ha parlato di due pilastri su cui si regge l'Europa: uno è quello del mercato, della concorrenza, delle liberalizzazioni, l'altro è rappresentato dal sociale, dagli aiuti per ridurre le disuguaglianze, per sostenere chi è più debole e aiutare i territori a crescere.

"E' per mantenere saldo questo secondo pilastro – ha quindi precisato – che lavoreremo. Per fare in modo che dopo il 2020 possiamo contare almeno su altrettante risorse che nel periodo in corso, nonostante che l'uscita della Gran Bretagna significhi minori entrate per circa 10 miliardi l'anno. I quasi 3 miliardi di euro che ci arrivano nel settennato, rappresentano meno del 2% del prodotto interno lordo della Toscana, ma sono importantissimi perché si tratta di fondi pubblici destinati a generare altri investimenti e sviluppo, perché favoriscono la ricerca e ci aiutano nel mantenere lo stato sociale".

Rossi ha poi affermato che per combattere le spinte sovraniste e vincere l'inganno, così definito dal presidente Mattarella, di chi vuole tornare indietro agli stati nazionali ottocenteschi, occorre rendere l'Europa più forte.

"Stiamo tenendo – ha poi aggiunto Enrico Rossi – rispetto alla proposta iniziale di riduzione delle politiche di coesione, e mi auguro di riuscire a recuperare altre risorse. Ci siamo impegnati a sostenere le tre proposte avanzate da Mario Monti. E' positivo che la prima, cioè una tassa sulla plastica non riciclabile e sulle emissioni di CO2, sia stata accolta. Così spero avvenga per le altre. Dalla tassa sulle grandi piattaforme digitali che eludono per 600 miliardi l'anno sarebbe facile trarre almeno 60 milioni per compensare l'uscita della Gran Bretagna. E con la Tobin tax sulle speculazioni finanziarie che si fanno alla giornata, potremmo ricavare fondi per le politiche sociali, da destinare allo sviluppo, a sostenere le nostre imprese e per l'innovazione e la ricerca".


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Istituzioni, Economia

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web

scarica »
- #Toscana BXL
scarica »
- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare