Salta al contenuto

Servizi per la prima infanzia, dalla Regione 10 milioni. Per più posti e rette più basse

16 febbraio 2016 | 15:46
Scritto da Walter Fortini
 


FIRENZE – Settembre è ancora lontano, ma le famiglie che pensano di iscrivere i figli ad uno dei tanti servizi educativi per la prima infanzia – nidi ma non solo nidi, rivolti a bambini fino a tre anni - possono già contare su una certezza per l'inizio del nuovo anno scolastico. La Regione ha deciso di stanziare circa 10 milioni – 9 milioni e 867 mila euro, per l'esattezza – che consentiranno ai Comuni di mantenere o aumentare i posti a disposizione nelle strutture da loro gestite e di abbassare le rette negli istituti privati (ma accreditati) dove nidi comunali o pubblici non ci sono o sono insufficienti, con liste di attesa più o meno lunghe.

"Si tratta di una decisione importante – ha raccontato il presidente della Toscana Enrico Rossi, parlando con i giornalisti durante il briefing dopo la giunta - una scelta che conferma l'attenzione della Toscana per i servizi all'infanzia". Frequentare un nido non è, del resto, solo utile per la crescita e l'educazione dei bambini: aiuta anche a conciliare i tempi di vita e lavoro delle famiglie, soprattutto quando tanto il babbo quanto la mamma lavorano e non possono contare sull'appoggio di nonni in pensione che vivono vicino.

I dieci milioni sono stati prenotati sul fondo sociale europeo. Ma entro giugno le risorse saliranno a undici milioni e mezzo. La delibera con gli indirizzi, a cui seguirà nei prossimi mesi l'avviso vero e proprio rivolto alle amministrazioni comunali, è stata approvata dalla giunta regionale su proposta dall'assessore all'istruzione Cristina Grieco. Il sostegno sostituisce i progetti educativi zonali per l'infanzia e i buoni servizio per la frequenza di strutture accreditate private, che per l'anno scolastico in corso valgono complessivamente undici milioni e mezzo di euro.

Come funziona
Il meccanismo è semplice e dei contributi potranno beneficiare i Comuni, che se interessati dovranno rispondere all'avviso. Potranno utilizzare i fondi per le spese del personale o della gestione del servizio, in caso di appalto esterno. I contributi sono rivolti al consolidamento dell'offerta, ma anche anche suo ampliamento. Se un Comune non ha ha alcuna struttura gestita direttamente o indirettamente, potrà utilizzare le risorse per 'acquistare posti-bambino" in nido o servizi per la prima infanzia, privati, accreditati. Questo consentirà di fatto di abbattere le rette: sarà l'amministrazione comunale a decidere come, per quali famiglie, per quanto e in base a quali parametri. L'unico paletto imposto dalla Regione è che lo sconto (o meglio il costo a carico dell'ente per ogni posto-bambino) non potrà superare i 400 euro al mese su rette che, mediamente, oscillano per un tempo pieno tra i 500 e i 600 euro in strutture private.

Bonus per comuni associati, isole e montagna
I comuni montani o di isole, con meno di cinquemila abitanti, riceveranno, indipendentemente dal numero di bambini fruitori, un bonus ulteriore di 10 mila euro. Altrettanti ne beneficeranno i Comuni che aderiscono ad una gestione associata. I due premi sono cumulabili.

Un po' di numeri
I servizi educativi per l'infanzia sono 1005 in tutta la Toscana, 28.652 posti, e coprono il 34 per cento dell'utenza potenziale: praticamente un bambino su tre tra tutti quelli che vivono nella regione ed hanno l'età giusta per potersi iscrivere. L'obiettivo europeo era del 33 per cent, quindi è stato raggiunto e superato. Tra gli oltre mille servizi per l'infanzia, più della metà dei posti (15.992) sono in strutture pubbliche. Quattrocentodue sono le strutture private già accreditate, sulle cinquecentotrenta in totale. I nidi, pubblici e privati, sono 827. 

 

Consulta anche:
La pagina sul sito della Regione Toscana per ulteriori informazioni

 


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Educazione istruzione e ricerca, Diritti e cittadinanza

Seguici su Facebook Twitter Google+ YouTube Flickr Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

Con Enrico Rossi - Mappa

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web
scarica »
- Diario 2015 del Treno della Memoria
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale