Salta al contenuto

Turismo e terziario, firmato protocollo con Manageritalia Toscana

31 luglio 2018 | 11:15
Scritto da Redazione
 


FIRENZE - Attuare la Strategia Regionale Impresa 4.0 e il programma di Destinazione Toscana 2020. Questo l'obiettivo del protocollo d'intesa firmato oggi da Regione Toscana e Manageritalia Toscana che le vedrà collaborare alla realizzazione di azioni comuni destinate a promuovere presso le imprese, in particolare le PMI del terziario, la conoscenza di tecnologie, aspetti organizzativi e manageriali determinanti nella digitalizzazione della loro attività di business. A firmare l'accordo, stamattina a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, l'assessore regionale alle attività produttive, al credito, al turismo e al commercio Stefano Ciuoffo, ed il neo presidente di Manageritalia Toscana Riccardo Rapezzi.

Manageritalia Toscana, forte di oltre 1.000 manager associati (dirigenti, quadri e executive professional) e che già realizza numerosi progetti e iniziative sia a livello regionale che nazionale, intende mettere a favore delle imprese toscane del terziario la competenza dei suoi manager nell'evoluzione digitale, organizzativa e manageriale oggi in atto. Le principali azioni, attuate in stretta collaborazione con la Regione Toscana, saranno volte a: sviluppare workshop sui temi di Impresa 4.0, riguardanti in particolare il turismo e la sua managerialità; testare gli strumenti di assessment e audit tecnologico per valutare il grado di maturità di un'impresa, che la Regione sta predisponendo in collaborazione con gli organismi di ricerca del territorio; divulgare gli strumenti di assessment online che la Regione metterà a disposizione delle PMI; promuovere e supportare la formazione manageriale per lo sviluppo della digitalizzazione delle imprese del terziario; promuovere la figura del Destination Manager; implementare strumenti utili alla gestione e valorizzazione dei big data nel settore turistico.

"Novità come quelle dettate da Impresa4.0 o le mutevoli e dinamiche condizioni di settori come quelli del turismo – afferma l'assessore regionale alle Attività produttive e turismo Stefano Ciuoffo – fanno sì che bisogna attrezzarsi ad ogni livello per rimanere al passo sia in termini di formazione che di capacità di adattamento. Compiti che devono essere di chi dirige un'azienda e per questo siamo convinti che per far crescere il nostro tessuto produttivo ci sia bisogno di collaborazioni come questa. Sinergie e azioni comuni a supporto delle Pmi per conoscere le ricadute positive del paradigma 4.0 nei processi organizzativi e gestionali, ad esempio, o le opportunità che la Regione offre in tema di formazione o strumenti per le imprese dei vari settori. Strumenti che con questa collaborazione potranno essere meglio conosciuti".

"Sono in atto fenomeni vastissimi – ha detto a margine dell'incontro per la firma del protocollo Riccardo Rapezzi, presidente Manageritalia Toscana – che necessitano del grande filo conduttore e rigeneratore dell'innovazione. Un'innovazione digitale, ma non solo, che è ancora scarsa e diffusa a macchia di leopardo nelle imprese e deve essere accompagnata in parallelo dalla PA e abbracciare anche tutta la società. Basti pensare alle ricadute anche economiche del fenomeno smart city su tutti noi e in particolare sul turismo. Per dare corpo a questa trasformazione c'è bisogno di una forte presenza di gestione e cultura manageriale e quindi di manager. Con questa iniziativa vogliamo supportare il territorio creando le premesse per un vero sviluppo e una maggiore presenza del digitale e dei manager nelle imprese. Tutto questo grazie ad una stretta collaborazione con la Regione Toscana come sempre attenta e in prima linea nel guidare lo sviluppo".

Sapendo che oggi le aziende "vincenti" e innovative sono quelle a forte guida e cultura manageriale, significativi sono i dati sui dirigenti privati nella regione: erano 4.046 nel 2016 (ultimo dato ufficiale Inps), pari a 0,5 dirigenti ogni 100 dipendenti e, se si escludono la provincia di Firenze (0,7%) e di Siena (0,8%), le altre province sono allo 0,2 o 0,3%. A questo si aggiunge che la Toscana ha perso il 13,1% dei dirigenti privati dal 2008 al 2016 (Firenze -14,7%), a fronte di un calo del 4,9% a livello nazionale. Anche nell'ultimo anno sono calati i dirigenti sia in Toscana -1,9% che a Firenze (-1,1%). Invece le imprese con attività innovative, considerando quelle con almeno 10 addetti, sono in Regione il 44,2% del totale (44,6% la media nazionale e 47,1% la media della Lombardia). Le imprese con attività innovative di prodotto/processo sono il 33,2% (31,9% e 35,4%): 28,3% quelle che le hanno introdotte nell'ultimo anno con una spesa per innovazione per addetto di 9.500 euro (in Italia 28,5% le imprese e 6.200 euro la spesa, in Lombardia 32,7% le imprese e 7.100 euro la spesa).


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Turismo, Economia

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Contenuto Web

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Telegram Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Contenuto Web

scarica »
- #Toscana BXL
scarica »
- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare
// ]]>