Skip to Content

De Tomaso, Rossi e Chiamparino chiedono incontro urgente ai ministri Poletti e Guidi

16 luglio 2014 | 17:10
Scritto da Barbara Cremoncini
 


FIRENZE – I problemi dei lavoratori degli stabilimenti di Collesalvetti (Livorno) e Grugliasco (Torino) dell'azienda De Tomaso, attualmente in procedura fallimentare, sono al centro della lettera che il presidente della Regione Enrico Rossi e il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino hanno inviato ai ministri del Lavoro Giuliano Poletti e allo sviluppo economico Federica Guidi.
I due presidenti, dopo aver fatto il punto della situazione così come emersa dall'ultimo incontro del tavolo di c risi svoltosi a Torino (con istituzioni locali, oltre la Regione Piemonte la Provincia di Torino e il Comune di Grugliasco, Procedura fallimentare, organizzazioni sindacali piemontesi, nazionali e toscane) hanno invitato i ministri ad aprire con urgenza un confronto.
 
"Riteniamo necessario – si legge nella lettera a doppia firma - un confronto e un coordinamento di tutti gli attori interessati alla miglior soluzione di una vicenda che, per i numeri interessati e per la sua complessità, assume certamente un rilievo nazionale; chiediamo perciò al Governo la convocazione urgente, per i prossimi giorni, di un incontro a livello ministeriale".
 
Rossi e Chiamparino ricordano ai ministri i numerosi problemi ancora aperti.
Fra questi, la cassa integrazione in deroga richiesta per il periodo maggio settembre ma non ancora autorizzata; la mancata concretizzazione di manifestazioni di interesse per l'acquisizione dell'azienda e il rischio concreto di messa in mobilità degli 822 lavoratori di Grugliasco e dei 128 di Collesalvetti a partire dal 5 settembre.
"Il combinato disposto della situazione di incertezza economica degli ultimi mesi e della prospettiva del licenziamento - scrivono Rossi e Chiamparino – rende la situazione particolarmente preoccupante sul piano sociale".
 
I presidenti di Toscana e Piemonte informano inoltre i ministri che sono partiti, sia a Torino che a Livorno, percorsi di riqualificazione e ricollocazione dei lavoratori, finanziati con risorse regionali e del fondo europeo FEG, che proseguiranno fino a fine anno. Per quanto riguarda in particolare la Toscana, si fa presente la particolare situazione dei lavoratori del sito livornese, per i quali, a causa delle vicende intercorse nel passaggio dalla Delphi alla De Tomaso, era incerta fino a pochi giorni fa la possibilità di beneficiare, in caso di licenziamento, della mobilità indennizzata. Incertezza poi sciolta dal ministero del Lavoro sulla base delle pressanti richieste della Regione Toscana e delle verifiche degli ispettori ministeriali.
 

  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Lavoro e formazione, Economia

Seguici su Facebook Twitter YouTube  Instagram RSS

Web Content Display

Enrico Rossi Presidente
Monica Barni Vice Presidente
Vittorio Bugli Presidenza
Vincenzo Ceccarelli Territorio
Stefano Ciuoffo Economia
Federica Fratoni Ambiente
Cristina Grieco Istruzione
Marco Remaschi Agricoltura
Stefania Saccardi Sanità


L'agenda della Giunta

servizio antincendi boschivi

Leggere in Toscana

App Toscana Notizie (versioni per iOS e Android)

WhatsApp Toscana Notizie - 366-6694483

Facebook Toscana Notizie - Pagina ufficiale

Le Storie della domenica

Web Content Display
scarica »
- Per la storia di un confine difficile

scarica »
- La Regione dopo la riforma

scarica »
- Toscana BXL

 scarica »

- Agrifood toscano:
qualità, benessere e innovazione
scarica »
- La violenza anche se non
si vede si sente
scarica »
- Una Toscana da leggere
scarica »
- Treno della Memoria 2015
scarica »
- Storie di piatti e territori
scarica »
- La Toscana digitale
scarica »
- La memoria tutto l'anno
scarica »
- La Toscana in chiaro
scarica »
- E' tutto un altro clima
scarica »
- Cosa insegna il fiume
scarica »
- Arrivano dal mare