Salta al contenuto

Dalla Regione un Piano per le aree interne: dal Casentino alla Lunigiana

12 novembre 2018 | 15:53
Scritto da Tiziano Carradori
 


FIRENZE – Comprendono 7 Comuni su 10, il 72% del territorio e sono abitate dal 30% della popolazione regionale. Sono le aree interne della Toscana e comprendono il Casentino, la Valtiberina, la montagna pistoiese, la Garfagnana, la Lunigiana, ma anche alcuni dei Comuni del Valdarno, della Val di Sieve, del Mugello, della Valle del Bisenzio e poi la fascia che va da Volterra all'Amiata.

A loro la Regione Toscana ha deciso di dedicare progetti speciali, in grado di affrontare i principali problemi che negli anni ne hanno causato lo spopolamento, l'invecchiamento della popolazione, il calo dei servizi ai cittadini e l'arretramento economico.

Se ne è parlato oggi all'Auditorium di S. Apollonia a Firenze, nel corso del convegno dal titolo "Le aree interne nella futura politica di coesione", al quale hanno preso parte numerosi assessori della giunta regionale, da Marco Remaschi a Monica Barni, da Cristina Grieco a Vincenzo Ceccarelli a Stefano Ciuoffo, i cui lavori sono stati conclusi dal presidente Enrico Rossi.

"E' nostra intenzione - spiega il presidente Rossi – entro la fine dell'anno arrivare a definire una strategia regionale in grado di presentare progetti finanziabili per interventi in queste aree, progetti che riguardino la mobilità e i collegamenti, l'istruzione, i servizi sanitari, l'agricoltura, il turismo. L'Europa sceglie di concentrare i suoi interventi sulle grandi aree densamente popolate. Noi chiederemo che dedichi invece maggiore attenzione a queste aree meno popolate, ma ugualmente importanti, di cui non possiamo e non vogliamo fare a meno. Ho già posto questa esigenza a Bruxelles, dove ho incontrato disponibilità. Si tratta adesso di passare alla fase di progetto e di richiesta di una quota riservata dei fondi europei nel prossimo settennato".

Per far questo il presidente ha chiesto ad ogni assessorato di predisporre piani di intervento di settore e all'Irpet, presente al convegno con il direttore, Stefano Casini Benvenuti, di collaborare dal punto di vista tecnico alla loro stesura, lavorando insieme alle direzioni regionali.

"Negli ultimi sette anni – precisa Rossi – abbiamo destinato notevoli investimenti all'area costiera, mettendola oggi in condizioni di maggiore competitività e in grado di garantire sviluppo e occupazione ai suoi abitanti. In questo ultimo scorcio di legislatura mi piacerebbe riuscire a fare lo stesso con le aree interne".

Il presidente ha quindi chiesto agli uffici di accellerare con l'impiego dei finanziamenti già disponibili, rendicontando gli interventi in tempi brevi, di ascoltare i sindaci, interpreti delle esigenze di quei territori, per passare poi alla fase di progettazione degli interventi necessari, secondo quella che dovrà configurarsi come una vera e propria strategia per le aree interne, che da deboli devono diventare più forti e competitive, capaci di avere un futuro.    


  • Condividi
  • Condividi
Questo contenuto è stato archiviato sotto Economia

  Il Bollettino quotidiano

  Organizzazione regionale antincendi

  Prevenire gli incendi

  Abbruciamento di residui vegetali

  Numeri di servizio pubblico

  • 800 425 425
    S
    ala Operativa
    Unificata Permanente
  • 115 
    Corpo Nazionale
    dei Vigili del Fuoco

  Statistiche