18 gennaio 2017
17:09

Da Gorizia a Treblinka

DASA DRNDIC Trieste - BOMPIANI
Alcuni lo ritengono un capolavoro assoluto, altri non si sono comunque sottratti al suo fascino, scorbutico ma potente. Certamente un romanzo - anzi, come recita il sottotitolo, un romanzo documentario - che non pu lasciare indifferenti: ti afferra per le viscere e ti lascia tramortito, infliggendoti domande e inquietudini. Libro importante, libro dal titolo fuorviante, perch uno si aspetta qualcosa alla Claudio Magris, bora e caff mitteleuropei, invece con la prima pagina sei gi dentro il tunnel dell'orrore del Novecento.
Si comincia con Haya, donna che ha molto vissuto, non solo per gli anni. Donna sola, con il suo carico di memorie nella sua vecchia casa di Gorizia. Sembra di vederla, alle prese con quella cesta rossa, ricolma di foto, lettere, ritagli di giornali: una vita che ha attraversato la Storia con i suoi immensi misfatti, dai macelli della Grande Guerra alle persecuzioni razziali.
Il libro la storia della sua famiglia. La storia di un figlio che le stato sottratto, a poco pi di un anno di vita. Di lui non ha saputo pi niente: chiss se scomparso in un lager, chiss se ancora vivo. Haya dovuta arrivare al limitare della sua, di vite, prima che qualche indizio lo riportasse al figlio. E ora quel figlio non pi un'ombra. E' un uomo che prova a sciogliere il mistero della sua vita, l'incredibile destino che l'ha fatto discendere da un'ebrea triestina e da un criminale nazista. Non uno qualunque, per di pi , ma il comandante di Treblinka.
Storia come un pugno allo stomaco, storia in cui la voce della verit grida forte, si parli delle mattanze alla risiera di San Sabba come dei progetti nazisti per la purezza ariana. Dentro c' anche l'elenco dei nomi dei novemila ebrei morti nel lager. Sembra il puntiglio dell'archivista. E invece no, il coraggio della scrittura consapevole che dietro ogni nome si nasconde una storia. E che ogni nome importante.