26 gennaio
12:08

Giornata della Memoria al MandelaForum, testimonianze dall'Olocausto

Giornata della Memoria al MandelaForum, testimonianze dall'Olocausto

FIRENZE - Dopo l'intervento del presidente della Regione, Enrico Rossi, sul palco e nei video si sono alternate le testimonianze sull'Olocausto di alcuni dei protagonisti della Giornata della memoria. Bruno Shlomo Venezia era uno degli addetti al forno crematorio n. 2 di Birkenau e ha raccontato di come era costretto a rimuovere i corpi accatastati nelle camere a gas, tagliare i capelli ai morti e partecipare ai turni di 12 ore per cremare in continuo le vittime dello Ziklon B. Toccante e drammatico il racconto del lattante sopravvissuto al gas perch attaccato al seno della madre, ma ugualmente giustiziato da un feroce SS con un colpo di pistola. "Dobbiamo fare in modo ha detto Shlomo Venezia che la memoria dell'olocausto duri tutto l'anno e non un solo giorno".

Le sorelle Ambra e Tatiana Bucci, 4 e 6 anni all'epoca della deportazione, internate ad Auschwitz nella baracca dei bambini, hanno raccontato di come sono state tatuate perch i nazisti volevano che fossero "non pi persone, ma numeri" e di quando non videro pi la loro mamma e pensarono che fosse morta, ma al tempo stesso "che la vita continuava" perch alla morte si erano in qualche modo abituate, perch la morte era dappertutto, anche per due bambine di pochi anni. Toccante il loro ricordo del cuginetto Sergio, selezionato insieme ad altri 19 bambini per i terribili esperimenti medici sulla tubercolosi di un collega del famigerato dottor Mengele e ucciso dai nazisti il giorno della liberazione di Amburgo, perch non ci fossero testimoni delle atrocit subite.

Marcello Martini, partigiano, aveva 14 anni quando fu catturato e divenne il numero 76430 di Mauthausen. Ha testimoniato della crudelt degli aguzzini scrupolosamente organizzata, di come i prigionieri dal triangolo rosso, i politici come lui, venissero affittati alle industrie tedesche per ricavarci 250 marchi e di come la sopravvivenza media stimata fosse, per chi era costretto a lavorare 12 ore al giorno mangiando pochissimo, di sei mesi. "Il business dei campi di concentramento ha detto Martini con la vendita dei beni e del lavoro degli internati, stato il pi grosso del Novecento, con fiumi di denaro indirizzati verso il sudamerica attraverso la banca Vaticana".

Antonio Ceseri uno delle migliaia di militari italiani, sbandati dopo l'armistizio dell'8 settembre del 1943, internato a Treuenbrietzen a 70 chilometri da Berlino e dopo essersi rifiutato di aderire alla Repubblica di Sal stato costretto a lavorare nelle fabbriche di munizioni tedesche ed scampato alla fucilazione di 130 suoi compagni perch protetto dai corpi degli uccisi, 11 dei quali sono rimasti senza nome ma sono ricordati in un cimitero nel quale Ceseri si reca ogni anno in pellegrinaggio.

La testimonianza di Katrin Himmler, nipote del fratello del pianificatore dello sterminio, Heinrich Himmler, ha parlato di quella che Hannah Arendt ha definito "la banalit del male", spiegando come la famiglia di provenienza fosse di intellettuali non di criminali, ma come tutti aderirono al nazismo e ai suoi programmi nei quali c'era come ha detto il suo prozio "semplicemente l'eliminazione del popolo ebraico". E non solo, visto che oppositori, zingari, omosessuali, e altre categorie sono stati anch'essi uccisi nei campi di sterminio e fuori. "Non erano ha precisato Katrin Himmler senza morale, ma con una loro morale perversa".