Infrastrutture e mobilità
6 febbraio 2017
17:41

Treni, operativo un nuovo Jazz, Ceccarelli: "Il servizio sta cambiando faccia"

FIRENZE - Entra in servizio in Toscana un nuovo treno Jazz, presentato alla stazione di Santa Maria Novella dal direttore della divisione passeggeri di Trenitalia Orazio Iacono all'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli. Salgono cos a 61 i nuovi convogli consegnati da Trenitalia al servizio regionale toscano dal 2013 ad oggi. 

Presto anche un altro treno Jazz ed uno Swing lo affiancheranno e cos  il totale dei nuovi treni in circolazione salir a 63, portando l'et  media dei mezzi in servizio in Toscana dagli attuali 18 anni a 17. Un dato che potrebbe scendere fino a 7,2 anni entro il 2024 se la Regione concretizzer la proposta di Trenitalia che prevede 750 milioni di investimenti in nuovi treni in cambio del prolungamento dell'attuale contratto di servizio da 9 anni a 15. Si ricorda che secondo il rapporto 'Pendolaria' di Legambiente la Toscana e la Provincia autonoma di Trento e Bolzano hanno il parco treni pi giovane in Italia e che con l'eventuale ulteriore abbassamento dell'et media dei convogli a 7,2 anni la Toscana si troverebbe avanti alle realt pi evolute di Europa.

"Negli ultimi tre anni - ha spiegato l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli - il servizio ferroviario in Toscana sta cambiando faccia, si aperta una stagione nuova e diversa. Questo avvenuto grazie ad un serrato rapporto di confronto e collaborazione con Trenitalia e le altre componenti del gruppo FS, ma soprattutto grazie agli investimenti voluti dalla Regione ed alle scelte fatte, scelte che testimoniano come per la Toscana il trasporto pubblico su ferro sia un'effettiva priorit ".

I dati dicono che dal 2013 ad oggi la puntualit reale aumentata del 3,5%, le soppressioni sono diminuite di due terzi e i cittadini che usano il treno per i loro spostamenti quotidiani sono aumentate del 20% rispetto al 2010 e del 5% rispetto a due anni fa. Oggi sono circa 225.000 i toscani che ogni giorno prendono il treno. RFI ha fatto importanti investimenti in tecnologie, infrastrutture, oltre che nella ristrutturazione di numerose stazioni.

"Non possiamo dire che tutti i problemi siano risolti - ha aggiunto l'assessore - ma tanto stato fatto. Restano ancora diversi fronti aperti e situazioni critiche, come quelle delle linee senesi o come le perturbazioni della tratta Chiusi-Arezzo-Firenze, provocati dalla pesante mole di traffico, ma la nostra attenzione resta alta e lavoreremo per superare anche queste criticit . Abbiamo portato a 100 il numero degli ispettori autorizzati a segnalare inadempenze da parte di Trenitalia. Ed al loro lavoro si aggiunge la raccolta e l'analisi delle segnalazioni degli utenti stessi, raccolte tramite il call center del numero verde tpl, il portale Muoversintoscana o la nuova App. Tutto questo dimostra l'attenzione riservata dalla Toscana al miglioramento del servizio ferroviario regionale e mi sento di poter dire che anche i risultati a distanza di tre anni si vedono. Questo ha portato la regione a mutare orientamento e sottoscrivere un'intesa preliminare che ipotizza un contratto pi lungo nel rispetto delle normative europee, che consenta, appunto, l'arrivo di altri 81 nuovi treni e il totale rinnovo della flotta."

Il nuovo treno Jazz, pensato per l'utilizzo metropolitano, lungo 67 metri e largo2,9, pu viggiare ad una velocit di 160 km/h, ha 194 posti a sedere pi due stazi per disabili in carrozzella. E' dotato di pedane retrattili per i passeggeri a ridotta capacit motoria. Ha impianto di videosorveglianza a bordo, schermi interni per le comunicazioni all'utenza, scritte in braille e prese di corrente a 220 V per l'alimentazione di cellulari e pc.