Protezione Civile

19 settembre
Emergenza e sicurezza, Protezione civile
di Camilla Marotti
31 agosto
Protezione civile, Ambiente
di Federico Taverniti
29 agosto
Protezione civile, Ambiente
di Camilla Marotti

Il 20 e il 21 settembre le cittadine ed i cittadini toscani eleggono il Consiglio regionale ed il Presidente della Giunta regionale della Toscana. Si vota il 20 settembre dalle ore 7:00 alle ore 23:00 e il 21 settembre dalle ore 7:00 alle ore 15:00. La scheda di colore arancione per l'elezione del Presidente della Giunta e del Consiglio regionale contiene una serie di spazi rettangolari in cui, a sinistra, sono incolonnati i simboli delle liste e, in uno spazio corrispondente, a destra, il nome del candidato-presidente collegato a quelle liste (o anche ad una singola lista). A fianco dei simboli di ciascuna lista sono indicati i candidati consiglieri e accanto una casella per indicare una o due preferenze. Le elettrici e gli elettori possono votare un candidato Presidente ed una lista ad esso collegata, votare solo per uno dei candidati, votare solo una lista e in tal caso il voto si intende espresso anche a favore del candidato Presidente ad essa collegato oppure esprimere un voto disgiunto, ossia votare per un candidato Presidente e per una lista ad esso non collegata. Presidente della giunta regionale sarà il candidato presidente che ha conseguito il maggior numero di voti, a condizione che abbia raggiunto almeno il 40% dei voti. Se nessuno dei candidati presidenti ha raggiunto il 40% si procede ad un turno di ballottaggio fra i due candidati più votati. Il consiglio regionale viene eletto con la stessa scheda, dove il simbolo di ciascuna lista è affiancato dall'elenco dei candidati. Il Consiglio regionale viene eletto con la stessa scheda, dove il simbolo di ciascuna lista è affiancato dall'elenco dei candidati. Le elettrici e gli elettori possono esprimere uno o due voti di preferenza, tracciando un segno sulla casella a fianco dei nomi indicati sulla scheda. Nel caso in cui l'elettrice o l'elettore esprima due voti di preferenza, i voti devono essere espressi per candidati di genere diverso, una donna e un uomo o viceversa, pena l'annullamento della seconda preferenza in ordine di lista. Saranno eletti le candidate e i candidati che riporteranno il maggior numero di preferenze. Ogni partito può presentare una lista di tre "candidati regionali". Nel caso in cui un partito si avvalga di tale possibilità, sotto il simbolo appare la scritta "lista regionale presente". I nomi delle candidate e dei candidati sono riportati nei manifesti affissi in ogni Sezione elettorale. Le operazioni di voto avverranno nel rispetto di tutte le procedure di sicurezza sanitaria.