Emergenza e sicurezza
4 ottobre 2012
7:34

Costa Concordia: comitato consultivo esamina stato e tempi dei lavori di rimozione

ROMA - Si svolta ieri, convocata dal commissario delegato e capo del Dipartimento della Protezione civile Franco Gabrielli, una sessione del comitato consultivo per l'emergenza successiva al naufragio della Costa Concordia, di cui fa parte anche la Regione Toscana, allargata alla societ armatrice e al consorzio Titan-Micoperi; obiettivo dell'incontro era di definire lo stato dell'arte relativo alle attivit in corso per la rimozione della nave.

Rispetto al termine della messa in sicurezza della Concordia - inizialmente previsto per il 31 agosto 2012 - i tecnici hanno stimato di poter completare i lavori entro la fine del mese di ottobre, salvo ulteriori imprevisti. Questo ritardo rispetto al crono programma iniziale, stato sottolineato, e' dovuto a diversi fattori: le condizioni meteorologiche avverse delle ultime settimane, la presenza di forti irregolarit degli strati superficiali del granito del fondo marino e di fessurazioni nella roccia sottostante, la quantit imprevista di roccia da livellare per poter posizionare i basamenti. Fino a oggi, le costanti rilevazioni svolte dal Dipartimento di Scienze della Terra dell'Universita' di Firenze non hanno comunque segnalato alcuna anomalia nei movimenti del relitto.

Il progetto di stabilizzazione, pensato per evitare eventuali scivolamenti del relitto nel corso della stagione invernale, prevede l'installazione di un sistema di ritenuta costituito da quattro basamenti ancorati al fondale lato terra (due dei quali dovrebbero essere completati gia' nei prossimi giorni); a questi vengono agganciati complessivamente 16 fasci di cavi di acciaio, collegati a punti di forza saldati sulla parte emersa del relitto, pensionati tramite dei martinetti idraulici.

Procedono intanto le attivit per il completamento del sistema di tensionamento che permetter il riassetto verticale della Concordia, quelle per la costruzione del falso fondale e delle sei piattaforme sottomarine sulle quali pogger il relitto, oltre alla produzione dei cassoni dai quali dipender il galleggiamento. Rimane, comunque, l'impegno del consorzio Titan-Micoperi, condiviso con Costa Crociere e il Comitato Consultivo, a perseguire ogni utile soluzione per ridurre i tempi, mantenendo la sicurezza dei lavori, la salvaguardia dell'ambiente e la vita socio-economica dell'isola.