Emergenza e sicurezza
25 giugno 2013
11:02

Costa Concordia, raddrizzamento a fine estate e trasferimento in primavera 2014

ISOLA DEL GIGLIO (GR) Presentato stamani a Giglio Castello, di fronte alla popolazione dell'isola, l'aggiornamento del progetto di rimozione del relitto della Costa Concordia, che sar sottoposto ora all'esame dell'Osservatorio sul recupero della nave per la definitiva approvazione. La previsione di vederla raddrizzata alla fine di questa estate per la definitiva partenza nella primavera 2014. E' stato lo stesso commissario straordinario al recupero Franco Gabrielli, insieme al sindaco Franco Ortelli, al presidente dell'Osservatorio Maria Sargentini per la Regione Toscana, ai manager di Costa, a illustrare il nuovo scenario.

Gabrielli ha sottolineato che il raddrizzamento del relitto permetter di verificare la condizione del lato ancora sommerso dopo i mesi trascorsi appoggiato sul fondo roccioso, e gli eventuali aggiustamenti che risulteranno necessari per la messa in opera dei cassoni di galleggiamento in vista del rigalleggiamento funzionale al successivo trasporto. I tempi previsti consentiranno inoltre di non interferire con le attivit turistiche della stagione turistica in corso per l'attuazione delle operazioni di messa in sicurezza necessarie sia per l'ambiente (con particolare riferimento alle acque interne al relitto) che per chi opera nel cantiere.

Per il commissario straordinario si sta rispondendo agli impegni assunti dopo la tragedia e alla necessit di rispondere a quanto accaduto riportando la situazione a prima del disastro: rispetto per l'ambiente, rispetto della situazione socio-economica del territorio interessato, nessun sezionamento in loco della scafo. "Il mio compito si ferma alla rimessa a galla della Concordia ha concluso ad altri spetter la decisione del luogo di smaltimento".

Maria Sargentini ha invece sottolineato la regolarit delle pratiche a tutela dell'ambiente condotte fin qui dall'Osservatorio in aperta collaborazione con Costa e Titan-Micoperi, che consentir di proseguire il lavoro sulla tutela delle acque interne ed esterne nonch dell'ambiente in generale, ma anche sulla sicurezza del cantiere cos come stato fatto ad oggi.