23 gennaio 2019
12:23

Il sogno toscano di un treno europeo della memoria. Timmermans parla ai ragazzi partiti da Firenze

Il sogno toscano di un treno europeo della memoria. Timmermans parla ai ragazzi partiti da Firenze

CRACOVIA  -  "Una storia che non dimenticher ". Prima dell'evento nell'auditorium maximum dell'Universit Jagellonica di Cracovia, un anfiteatro con u n muro di mille studenti italiani e polacchi l per imparare dal passato,  il vice presidente della commissione europea Franz Timmermans si avvicina alla sorelle Bucci, sopravvissute all'orrore di Birkenau  e testimoni della storia, confessando di aver letto avidamente il loro libro e la loro storia. "Una storia incredibile dice -, come incredibile l'inganno con cui i nazisti scelsero vostro cugino Sergio ed altri diciannove bambini come cavie approfittando del desiderio di vedere mamma. E poi la salvezza, le peripezie prima di incontrare di nuovo i genitori".

Parla a lungo, in un fluente italiano imparato a Roma, Timmermans con le sorelle e parla con il presidente della Toscana Enrico Rossi per chiedere, curioso,  del treno della memoria, l'iniziativa che dal 2002, prima in Italia, la Regione Toscana organizza per portare ogni volta cinquecento e pi studenti delle superiori a vedere e toccare con mano l'orrore che l'uomo stato in grado di creare, l'orrore della storia. "Una bellissima iniziativa" dice.  "E' importante parlare con i giovani dice Timmermans -, perch quello che stato pu tornare. La guerra finita ma le discriminazioni no. Occorre parlarne, sempre, soprattutto ai giovani. E' importante conoscere la storia, perch alcuni politici a volte la strumentalizzano. Dicono torniamo al passato, quando si stava meglio' e se la storia non la conosci sei portato a credere a quel passato gioioso".

Timmermans ascolta con interesse anche il sogno della vice presidente della Toscana, Monica Barni, da domenica con i ragazzi venuti da tante citt e comuni della regione per visitare Birkenau ed Auschwitz. E' il sogno di un treno europeo della memoria, un treno che parta da Firenze e dall'Italia e a cui, lungo il percorso, si aggiungano in tutti i paesi attraversati altre carrozze, con giovani da tutta Europa insieme, senza muri e senza confini, per imparare dalla storia, per conoscere e provare a comprendere. Insieme in un Europa, stato poi detto da alcuni pi tardi sul palco, che dovrebbe essere un cuscino e per questo anche nata, una rete di solidariet che si stringe gli uni agli altri.