24 aprile 2018
12:59

Liberazione, Enrico Rossi a Poppi per il 25 Aprile

FIRENZE "Il 25 aprile una data che d forza alla nostra democrazia e che sar sempre pi forte di chi, ancora oggi, banalizza e tenta di liquidare come superato l'antifascismo. La Resistenza e la Liberazione ci chiamano in causa tutti quanti perch esse racchiudono i valori fondativi della Costituzione e della nostra comunit nazionale".

Lo ha detto il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi alla vigilia del 73 anniversario della Liberazione.

"Libert , uguaglianza, antifascismo sono principi della nostra democrazia. Questi valori sottolinea Rossi sono stati le scintille che hanno innescato il riscatto dell'Italia e di tutta l'Europa contro l'oppressione della tirannia e dell'occupazione nazifascista. Quanti hanno combattuto e creato le condizioni per un paese libero e democratico e quanti invece si sono schierati dalla parte di Hitler e Mussolini, della Repubblica Sociale e, come in Toscana, hanno lasciato aperta la strada a innumerevoli violenze e infami eccidi, non potranno mai essere equiparati".

"La memoria non un esercizio retorico. Ma un atto democratico concreto. Nostro compito difenderla e preservarla, soprattutto ogginel 73 anniversario della Liberazione, mentre soffiano forti in Europa i venti del razzismo e dell'estremismo di destra e in Italia si susseguono episodi di rigurgiti neofascisti e deliri propagandistici".

"La Regione Toscana conclude Rossi continuer a non far mancare la sua opera per tenere la coscienza democratica sempre viva e vitale".

Il 25 aprile a Poppi

Domani, mercoled 25 aprile, il presidente della Regione Toscana sar a Poppi, in provincia di Arezzo, per partecipare alle iniziative previste per il 73 anniversario della  Liberazione dal nazifascismo; il suo intervento previsto a partire dalle ore 11.30 presso la localit Mezzacosta (a met strada tra Ponte a Poppi e Poppi).

Poppi uno dei paesi toscani della "Linea Gotica", un luogo dove la ferocia nazifascista ha colpito duramente le popolazioni civili. Nel 1944 il territorio fu teatro di numerose stragi nazifasciste (tra queste quelle di Moggiona, 19 morti, di Quota, 7 morti, di Badia Prataglia, 4 morti) e di un pesantissimo bombardamento tedesco (Mezzacosta, 15 morti tra donne e bambini).

"Sono molto grato al presidente Rossi e alla Regione Toscana per aver scelto Poppi come luogo delle celebrazioni di quest'anno. Ricordare e tenere viva la memoria afferma Carlo Toni, sindaco di Poppi un dovere civile e morale. Poppi, come Sant'Anna di Stazzema o Monte Sole, stata teatro di crimini orribili, di violenze inaudite. Questi luoghi sono importanti, sono sacri, ma la memoria sottolinea il sindaco un esercizio che deve e pu essere messo in pratica ovunque e in qualsiasi momento. Perch senza memoria non costruiamo il futuro".

Programma delle celebrazioni

  • Ore 9.15 - Localit Moggiona, deposizione corona
  • Ore 10.30 - Localit Quota, deposizione corone
  • Ore 11.30 - Localit Mezzacosta, deposizione corona e celebrazione conclusiva

Programma degli interventi

  • Saluti del presidente dell'Associazione Nazionale Combattenti e Reduci Sezione di Poppi, Roberto Brezzi
  • Intervento del Sindaco di Poppi, Carlo Toni
  • Orazione ufficiale del Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi

Informazioni

Maggiori informazioni sulle stragi di Poppi nell'Atlante delle stragi nazifasciste (http://www.straginazifasciste.it/) e nella pubblicazione "Poppi 1944. Storia e storie di un paese nella Linea Gotica" di Alessandro Brezzi (http://www.consiglio.regione.toscana.it/upload/eda/pubblicazioni/pub4086.pdf)