Istituzioni
18 ottobre 2018
12:21

Rossi a Pontedera ricorda Gronchi e il suo impegno per il lavoro, la democrazia, la Costituzione

PONTEDERA -  "La libert e la democrazia non sono conquiste acquisite per sempre, ma sono momenti del suo cammino faticoso. Perci necessario, per dirla con Machiavelli, "ritirare la Repubblica verso il suo principio" e ritornare alle origini della nostra democrazia repubblicana, ai suoi ideali e fondamenti, per costruire insieme - come direbbe il presidente Gronchi - forme superiori di convivenza sociale e politica".

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, nel suo intervento al Teatro Era di Pontedera alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha ricordato il presidente emerito della Repubblica, Giovanni Gronchi, che a Pontedera era nato nel 1887 e il suo forte legame con il territorio da cui proveniva, a quaranta anni dalla morte avvenuta il 17 ottobre 1978.

Rossi ne ha richiamato l'impegno in difesa del tessuto produttivo locale, dalla Marzotto, alla Saint Gobain, alla Piaggio, alla Richard Ginori, alla Fiat e quello per dotare l'area di importanti opere pubbliche a partire dallo scolmatore dell'Arno.

"La sua ha aggiunto il presidente Rossi stata una vita di impegno per la promozione delle ragioni del lavoro, della Costituzione, della democrazia e dell'uguaglianza, perch Gronchi era convinto che il miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori e dei ceti pi umili fosse necessario per il loro inserimento nella vita democratica del Paese".

Dopo averne ricordato il dissenso rispetto al regime fascista, di cui aveva  denunciato con forza le intimidazioni e le responsabilit nell'omicidio di Giacomo Matteotti, l'impegno nel Comitato di Liberazione Nazionale e il lavoro per la costruzione del sindacato unitario, Rossi ha aggiunto che elementi della sua presidenza furono il tentativo di superare il centrismo, l'impulso all'attuazione della Costituzione per le parti ancora disattese e un notevole attivismo per una politica estera pi autonoma nel Mediterraneo.

Il presidente Rossi ha quindi concluso il suo intervento con un saluto al presidente Sergio Mattarella: "benvenuto presidente a Pontedera e in Toscana".

Nelle risorse correlate il testo integrale dell'intervento del presidente Rossi