Turismo Agriturismo
20 giugno 2018
16:19

Turismo, approvati standard minimi prodotto turistico 'Cammini di Toscana'

FIRENZE Via libera dalla giunta regionale alla delibera con la quale vengono approvati gli standard minimi per la definizione del prodotto turistico omogeneo Cammini di Toscana', strumento introdotto dalla nuova legge regionale, ed il Vademecum redatto dall'AEVF, l'Associazione Europea delle Vie Francigene, che definisce gli standard europei del percorso Via Francigena. E' stato, questo, uno degli atti illustrati nel corso del briefing del presidente Rossi.

Il primo documento punta a definire la strategia e le regole operative per la definizione, la progettazione, l'attivazione, il coordinamento e la gestione dei Cammini che si sviluppano come Prodotto turistico su percorsi storico/culturali/paesaggistici di riconosciuto valore. Un processo che trova attuazione anzitutto attraverso il coinvolgimento primario e sinergico delle amministrazioni pubbliche locali e, successivamente, delle organizzazioni associative ed imprenditoriali che operano sul territorio su cui si realizza il Cammino.

Il secondo stabilisce gli standard qualitativi comuni e condivisi essenziali per garantire la sicurezza e la fruibilit dell'itinerario, fornendo le linee guida per la fase di progettazione e realizzazione del percorso, manutenzione e posta della segnaletica, per l'organizzazione dell'accoglienza, all'interno di un sistema di programmazione e valorizzazione partecipata, rispettoso del principio di sussidiariet tra i livelli di responsabilit coinvolti. Il documento frutto del lavoro congiunto di AEVF con le Regioni europee aderenti al Comitato Europeo di Coordinamento Tecnico Interregionale della Via Francigena, in stretta collaborazione con associazioni nazionali e locali quotidianamente coinvolte nella valorizzazione del percorso europeo.

Qualche dato. Il fenomeno dei cammini esprime la domanda, in forte crescita, di viaggi "green" associati alla mobilit dolce e sostenibile. Secondo l'osservatorio della Borsa Italiana del Turismo la crescita del segmento stata del 9% annuo e secondo la Fondazione Univerde il 16% degli italiani dichiara di praticare solo turismo sostenibile. Il turismo lento e sostenibile, in Toscana sta diventando un volano di crescita turistica ed economica per quelle aree marginali ai grandi flussi turistici. Sempre pi persone scelgono di muoversi anche per lunghi tratti e pi giorni, a piedi e in bicicletta (minore l'impatto dei movimenti a cavallo). Solo nel 2016 "La Via degli Dei", percorso di trekking che collega Bologna a Firenze, stata percorsa da 6.500 visitatori (+1500 rispetto al 2015). Secondo le ultime rilevazioni effettuate dal AEVF, nel 2017 sono circa 40.000 le persone che hanno percorso la Via Francigena; di questi, due terzi hanno percorso il tratto toscano che risulta essere, grazie agli investimenti promossi dalla Regione per oltre 15 milioni di euro negli anni passati, quello maggiormente strutturato e con una rete di accoglienza diffusa sul territorio. I flussi sono sottostimanti a causa delle metodologie di rilevazione statistica che riguardano i dati dei pernottamenti a cui sfuggono alcune forme di accoglienza particolarmente presenti sui percorso escursionistici.

Ricordiamo che nel 2017 la Regione Toscana insieme a Lazio, Liguria, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Valle D'Aosta hanno presentato la candidatura ufficiale UNESCO della Via Francigena alla "Tentative List" come patrimonio dell'Umanit . Il Mibact ha dichiarato il 2016 Anno dei Cammini, il 2017 Anno dei Borghi, il 2018 Anno del Cibo e indicher il 2019 l'anno nazionale del turismo lento.