Ambiente
Consumatori
Istituzioni
26 giugno 2018
17:50

Il progetto "Arcipelago Pulito" si presenta a Bruxelles al Parlamento europeo

BRUXELLES - L'Europa pensa alla plastica in mare e guarda alla Toscana, dove a marzo Regione, Unicoop Firenze Legambiente, assieme ad altri partner, hanno lanciato il progetto pilota "Arcipelago pulito", che vede una cooperativa di pescatori di Livorno impegnata nella raccolta quotidiana dei rifiuti che finiscono in acqua e sono poi tirati su dalle reti. Finora dovevano essere rigettati in mare: adesso non pi , almeno fino ad ottobre. E da met aprile gi pi di ottocento chili di rifiuti sono stati portati a riva dai sei pescherecci impegnati al momento nell'attivit . Sei chili al giorno per ogni barca. Pi barche ci saranno, pi pulito sar il mare.

Pescano e raccolgono i rifiuti allo stesso tempo. Le autorit pubbliche controllano e  monitorano ogni fase. E cos tra sugarelli, rombi e sanpietri i pescatori portano ogni giorno in porto a Livorno bottiglie di plastica, vecchie taniche, a volte anche torce da sub o sterzi di motoscafi corrosi dal tempo e dalle onde, ma sopratutto imballaggi, sacchi e buste, intere o pi spesso a brandelli, le pi pericolose per i pesci che le inghiottono e destinate a fluttuare per mille e pi anni in frammenti sempre pi piccoli prima di decomporsi. Una volta raccolti invece, quei rifiuti possono essere smaltiti e un quinto della plastica, raccontano i primi dati, pu addirittura essere recuperata, dando ai materiali una seconda vita. Decisamente una buona notizia.

Esempio di economia collaborativa, l'esperimento toscano che vuol fare da apripista e diventare modello, stato presentato oggi al Parlamento Europeo nel corso di un evento organizzato dall'eurodeputata Simona Bonaf che ha coinvolto i parlamentare che pi da vicino si occupano di ambiente. Il progetto stato illustrato anche al commissario Ue all'ambiente Karmenu Vella, maltese, nel corso di incontro a cui hanno partecipato l'assessore alla presidenza della Toscana Vittorio Bugli e la presidente di Unicoop Daniela Mori. 


LEGGI: Toscana chiede a Ue risorse e una direttiva europea

 

Sembra assurdo. Ma a Livorno come altrove, finora i pescatori  erano costretti a rigettare in mare quello che tiravano su e che pesce non era: tutta colpa dell'assenza di una norma che rendeva (e rende) quelle plastiche un rifiuto speciale e i pescatori responsabili del loro smaltimento, davanti alla legge ed economicamente. Il problema stato superato con un accordo di sei mesi per dar vita intanto ad un progetto speciale, ma l'obiettivo trasformare quanto si sperimenta in qualcosa di strutturale e permanente.

Il primo traguardo mettere a regime un sistema oggi non regolato. C' anche un contributo specifico ai pescatori per il servizio svolto. Ma l'intesa siglata a marzo da Regione, Ministero dell'Ambiente, Autorit Portuale e Labromare, che della pulizia dello specchio d'acqua del porto si occupa, da Direzione marittima, Legambiente e dall'azienda di raccolta di rifiuti Revet - oltre che da Unicoop - ha un altro grande valore aggiunto che rende il progetto praticamente unico. E' il primo infatti che non si limita solo a studiare il problema (che globale) ma che ha strutturato una vera e propria filiera che va dalla raccolta in mare dei rifiuti fino al trattamento delle plastiche e l'eventuale loro recupero.  Un circolo virtuoso, che raccoglie il sogno e l'eredit di Angelo Vassallo, il sindaco pescatore di Pollica, nel salernitano, ucciso dalla criminalit organizzata nel 2010. Dalla fondazione a lui intitolata partito il suggerimento che diventato poi l'embrione del progetto.

LEGGI: Inquinamento in mare, un'emergenza globale

Si parte dai pescatori spazzini', primi protagonisti dell'esperimento, che hanno attrezzato le barche con appositi sacchi a bordo dove raccolgono le plastiche (ma anche qualche bottiglia di vetro) issate con le reti durante la quotidiana attivit di pesca. Ogni barca ne tira s fino a sei chili al giorno, il sei per cento del pescato. Al rientro li depositano in un apposito cassone in banchina, che Labromare periodicamente provvede a svuotare. I rifiuti arrivano quindi nello stabilimento di Revet a Pontendera, che dopo le opportune analisi e classificazione decide se destinarlo al riciclaggio oppure allo smaltimento. Sul corretto svolgimento delle operazioni in mare vigila la Guardia Costiera della Toscana, che da subito ha sposato l'iniziativa. Legambiente offre il proprio contributo in termini di esperienza scientifica, formazione e sensibilizzazione, mentre Unicoop Firenze destina al progetto (e ai pescatori sotto forma di incentivo) parte del ricavato del centesimo che soci e clienti, per legge, dall'inizio dell'anno devono pagare per le buste in mater-b dell'ortofrutta.

I risultati al momento sono incoraggianti e dicono che il progetto funziona.